?????????????????????????????????????????????????????????

La famiglia Zingarelli ha deciso di adibire un’ampia parte dei propri terreni all’arte della falconeria: nasce la prima Riserva Faunistica Venatoria in Italia dedicata all’arte della falconeria

Rocca delle Macie ha ospitato, da venerdì fino a ieri, il primo raduno internazionale dei falconieri dedicato a Ivan Busso, Maestro Falconiere veneto vittima della pandemia. La famiglia Zingarelli, che da sempre produce vino e collabora con iniziative di questo tipo, diventa promotrice dell’antica Arte della Falconeria. Rocca delle Macie è così il primo polo italiano dedicato all’esibizione, all’addestramento ed alla caccia ancestrale praticata con i Falconidi.

“La passione per vino – afferma Giulia Zingarelli, responsabile dell’azienda – nasce grazie a mio nonno, uomo di grande lungimiranza, che nei primi anni 70 decide di coronare il suo sogno e da Roma si trasferisce nel Chianti dove inizia la sua nuova attività di viticoltore.

Nel 1973 fonda “Rocca delle Macìe” e da qui inizia la storia della nostra azienda e della nostra famiglia. Oltre alla produzione di varie tipologie di vino, da sempre crediamo molto nell’ospitalità intesa come mezzo per far vivere un’esperienza a chi, come noi, non abita ogni giorno in campagna. Negli ultimi anni infatti abbiamo iniziato un percorso per ampliare e rendere sempre più completa la nostra offerta.

In una delle nostre Tenute di Castellina in Chianti abbiamo inoltre un Relais dedicato interamente all’ospitalità. E’ il Relais Riserva di Fizzano che nasce dalla ristrutturazione di un antico borgo medievale, risalente all’XI secolo. All’interno del borgo, oltre agli appartamenti, abbiamo inaugurato, nel 2020, un ristorante, il Passo dopo Passo Osteria che offre una proposta culinaria basata sui sapori della nostra regione affinati con nuove tecniche e un pizzico di originalità”.

Da ora in poi, le colline del Chianti Classico di Rocca delle Macie, saranno popolate da falchi ed addestratori che, oltre ad accrescere la bellezza del territorio, aiuteranno a ristabilire un equilibrio naturale molto delicato e instabile. Con questo progetto sarà ampliato il nuovo programma di gestione delle diverse varietà di colture al fine di aiutare l’ecosistema.

“Io, così come la mia famiglia, sono da sempre amante – continua Giulia Zingarelli – della natura e da molti anni vogliamo migliorare la sostenibilità della nostra azienda applicando molte pratiche agronomiche. Con il nuovo progetto faunistico di Rocca delle Macìe, sarà implementato un programma di gestione delle colture mirato a migliorare tutto l’ecosistema. Il progetto della Riserva Faunistico Venatoria di Rocca delle Macìe nasce dalla collaborazione con Gianluca Barone, amico e grande professionista, nonché grande amante della natura. La falconeria infatti non è solo caccia ma anche dedizione e rispetto per la natura. Non stravolgeremo niente; il core-business rimarrà il vino. Imposteremo dei piani colturali mirati alla salvaguardia della biodiversità e sono convinta che il nostro ambiente beneficerà molto da queste scelte”.

Sono Lorenzo Vullo, un ragazzo di 23 anni, nato a Siena e laureato in Scienze Politiche e relazioni internazionali. Mi piace lo sport, la cultura, la politica e ho molto interesse per le nuove forme di comunicazione. Nel mio breve percorso lavorativo ho uno stage presso la redazione giornalistica di Radio SienaTV.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui