Al comando provinciale dei carabinieri di Siena, nella caserma Salvo D’Acquisto di viale Bracci, la cerimonia solenne che è ripresa in presenza dopo due anni di stop a causa della pandemia.

E’ tornata in presenza la cerimonia solenne. Il saluto a tutte le istituzioni presenti da parte del comandante provinciale dei Carabinieri di Siena, colonnello Nicola Ferrucci, poi il bilancio di questo anno di attività intenso che ha visto impegnati i carabinieri nel dare “risposte concrete alla domanda di sicurezza che viene dal territorio”.

Il bilancio dell’attività svolta

5.447 i reati perseguiti con 80 persone arrestate e 1764 deferite in stato di libertà. Grande attenzione sul territorio anche la lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti con il sequestro di oltre 11kg di droga. Oltre 7mila i controlli che sono stati effettuati su tutto il territorio provinciale.

Gli anni della pandemia

I due anni della pandemia hanno segnato anche un cambio di rotta nel modo di operare sul territorio. Ma il ruolo dell’Arma dei carabinieri è stato anche di sostegno alla popolazione che nel periodo più duro del lockdown è stata di aiuto alla popolazione portando beni di prima necessità alle famiglie in difficoltà o offrendo supporto agli anziani anche solo scambiando qualche parola di conforto per combattere la solitudine.

Il ruolo delle contrade a Siena

Infine, un passaggio fondamentale per il ruolo che le contrade continuano ad avere a Siena. “L’augurio” – ha detto nel suo discorso il comandante Ferrucci- “ma anche la certezza che le Contrade continuino a proporre un modello di vita sano per i giovani. Patria, legalità, onestà, solidarietà, fratellanza, conoscenza e competenza, sono i valori su cui si fondano le diciassette consorelle. Luogo di aggregazione per i giovani. Esempio positivo portando avanti i valori della Repubblica Italiana”.

L’intervista al comandante provinciale, colonnello Nicola Ferrucci.


Il giornalismo è una professione che non si sceglie, è lui che sceglie te. Ho sempre creduto che il valore di un vero professionista sta nel fatto di mettersi completamente a servizio del "racconto", stare un passo indietro piuttosto che sentirsi gli attori di ciò che scriviamo. Noi siamo solo il tramite per far arrivare il "racconto". Per questo prendo in prestito le parole di Joseph Pulitzer per ricordare la raccomandazione più importante: "Presentalo brevemente così che possano leggerlo, chiaramente così che possano apprezzarlo, in maniera pittoresca che lo ricordino e soprattutto accuratamente, così che possano essere guidati dalla sua luce."

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui