APC e AssoCamp chiedono alle regioni la creazione di aree di sosta e la promozione dell’ospitalità dei camperisti per il rilancio del turismo nel Paese

L’Associazione Produttiva Carvan e Camper (APC) e l’Associazione Nazionale Operatori Veicoli Ricreazionali e Articoli per il Campeggio (AssoCamp) hanno scritto una lettera aperta a tutti gli Assessori Regionali con delega al Turismo. Il loro intento è quello di segnalare che aprire un’area di sosta – sia essa comunale o privata – per i camperisti significa creare ricchezza per il territorio.

Nella comunicazione agli Assessori vengono innanzitutto presentati i numeri del Turismo Itinerante per far capire il potenziale economico di questo tipo di turismo. Il parco circolante di camper in Europa è infatti pari a 2.380.493 veicoli, a cui si sommano 3.530.000 caravan (dati 2019), con una stima del numero di turisti itineranti di circa 20 milioni di persone.

Da uno studio realizzato dalla Società Dwif (Germania), il turismo itinerante avrebbe un ‘valore’ di 23 miliardi di euro spesi sui territori. E‘ data la probabilità che i turisti itineranti vadano nelle località dove sono meglio accolti, nasce la necessità e l’utilità per ogni Regione di creare le infrastrutture utili ad attrarre i camperisti.

APC e AssoCamp segnalano dunque nella loro lettera alcune delle possibili iniziative che le Regioni possono assumere per attirare i camperisti italiani ed europei nella loro Regione: dal varo di Bandi Regionali per la realizzazione di aree di sosta, all’incentivazione a Campeggi e Villaggi Turistici per ampliare la stagione di apertura, fino all’incentivazione per bed&breakfast, cantine, dimore storiche ed altri operatori privati ad allargare la propria clientela, offrendo ai camperisti servizi di sosta e ristorazione.

Una capillare accoglienza per i camperisti, oltre a destagionalizzare il turismo, creerebbe un ‘turismo diffuso’ che andrebbe a beneficio anche dei centri minori, i quali si trovano fuori dalle rotte del turismo di massa, ma che sono molto apprezzati dai camperisti.

Nella lettera aperta è inoltre contenuto un invito ad approfondire i temi indicati, con APC e AssoCamp disponibili a supportare gli Assessori Regionali con ulteriori informazioni e consulenza gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui