L’integrazione della perizia: lo sconfinamento della mezzeria da parte del camion è stato valutato “inferiore ai 40 cm”

“L’incidente di Alex Zanardi non è avvenuto a causa dell’invasione di corsia da parte del camion”. E’ quanto scrive agenziaimpress.it, relativamente alle conclusioni alla richiesta di integrazione della perizia sull’incidente ad Alex Zanardi che ha portato all’apertura di un’indagine, dopo che l’ex campione bolognese con la sua handbike si è scontrato contro un tir lungo la strada provinciale tra Pienza e San Quirico d’Orcia nel giugno scorso.

Lo sconfinamento della mezzeria da parte del camion è stato valutato infatti “inferiore ai 40 cm” e definito “minimo stante il tipo di mezzo e la strada percorsa”.

Secondo quanto si apprende da fonti vicino all’inchiesta – scrive agenziaimpress.itil perito della Procura di Siena Dario Vangi avrebbe risposto a sette nuovi quesiti come approfondimento alle conclusioni del pool di esperti nominati dei legali della famiglia Zanardi, l’ingegnere Giorgio Cavallin e della difesa del camionista indagato per lesioni gravissime, l’ingegnere Mattia Strangi.

Sempre secondo quanto si apprende la posizione del mezzo potrebbe essere stata dettata dalla “presenza di un ciclista davanti all’autocarro e dall’inizio di manovra di sorpasso dell’autocarro stesso, comunque consentita”. Inoltre la documentazione depositata nei giorni scorsi in Procura rileva come “Zanardi avesse la tendenza ad allargare e arrotondare la curva portandosi in prossimità della linea di mezzeria”. Nelle sue conclusioni il perito conferma quindi che il “sinistro si è verificato non a causa dell’invasione di corsia ma a causa della presenza del veicolo”. Nelle prossime settimane sono attese le decisioni della Procura circa la posizione del camionista in merito al suo rinvio a giudizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui