Si tratta di una fiaba popolare meridionale ripresa da molti autori come Giuseppe Pitrè e Italo Calvino

Arriva a conclusione il laboratorio della “Piccola Accademia delle Arti Belline”, che l’associazione Impluvium ha curato nel corso degli ultimi mesi alternando attività online e corsi in presenza, nel rispetto delle normative sanitarie. Lo spettacolo teatrale “Sfortuna” verrà messo in scena il prossimo weekend a Montepulciano, sabato 26 e domenica 27 giugno alle ore 18:30, presso il cortile del Conservatorio San Girolamo. Successivamente, giovedì 1 e venerdì 2 luglio alle ore 19:00, sarà invece in replica al parco Pancirolli di Trequanda.

Sfortuna è una fiaba popolare della tradizione meridionale che di bocca in bocca è arrivata in terra palermitana, ripresa da molti autori, tra i quali Giuseppe Pitrè e Italo Calvino. La protagonista è Sfortuna: una bambina che viene accusata di portar male a sé e agli altri. Il suo è un viaggio volto a migliorare la propria condizione, in una lotta sospesa tra il pregiudizio e il coraggio di prendersi cura della propria sorte, superando prove e difficoltà. La storia è una metafora della vita: non fermarsi di fronte alle avversità e vincere la superstizione, senza farsi condizionare. Affronta con leggerezza uno dei dubbi filosofici più longevi: siamo noi artefici del nostro destino, o è questo a tessere le trame dei nostri giorni?

Lo spettacolo sarà messo in scena dalle allieve del laboratorio teatrale gestito da Marta Parri: per info e prenotazione è possibile scrivere a teatroimpluvium@gmail.com o chiamare i numeri 3489143500 e 3339522032. Si consiglia di arrivare trenta minuti prima, per svolgere tutti gli adempimenti sanitari, di portare il cappello in caso di sole e l’ombrello in caso di pioggia, dal momento che lo spettacolo si terrà all’aperto.

Impluvium è una associazione di promozione sociale con assoluta maggioranza giovanile, impegnati nella promozione della cultura teatrale e della socialità attraverso le arti performative. Il gruppo comprende una compagnia teatrale formata da giovani di Montepulciano e della zona della Valdichiana, già attivi da alcuni anni nel territorio; l’obiettivo dell’associazione è quello di diffondere la pratica teatrale in tutte le sue forme, attraverso spettacoli teatrali, performance e attività culturali socialmente utili alla comunità, per mezzo della propria compagnia teatrale o della collaborazione con altre associazioni. Inoltre promuove la pratica teatrale con l’organizzazione di corsi di recitazione, danza, drammaturgia, scrittura, dizione, arte terapia, pratica musicale e culturale, anche in ambito scolastico.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui