Oggi gli interrogatori di garanzia di due degli arrestati, lunedì il terzo

Ha risposto alle domande in aula durante l’interrogatorio di garanzia uno dei giovani accusati di violenza sessuale di gruppo a una ragazza di 21 anni a Siena. Il fatto è emerso nella giornata di ieri, dopo le misure cautelari a cui sono stati sottoposti tre giovani, posti agli arresti domiciliari, per i quali c’è l’ipotesi di reato di violenza sessuale di gruppo, in seguito alla denuncia di una ventunenne senese. Un quarto giovane, minorenne, risulta indagato. Due giovani, di 23 e 24 anni, sarebbero calciatori.

Il primo dei giovani questa mattina, secondo quanto si apprende, avrebbe ammesso l’atto sessuale, ma che questo sarebbe stato consenziente. L’indagato, accompagnato dall’avvocato Danilo Lombardi, ha lasciato il tribunale senza rilasciare dichiarazioni.

Si è avvalso invece della facoltà di non rispondere durante l’interrogatorio di garanzia di fronte al giudice del tribunale di Siena Jacopo Rocchi, uno degli indagati per la presunta violenza sessuale di gruppo denunciata da una 21enne.

Il giovane è arrivato e andato via dal tribunale accompagnato dalla madre e con il volto travisato da cappuccio e occhiali da sole. Il suo legale Duccio Panti, lasciando il tribunale, ha detto: “Ci sono molte cose che non tornano nel racconto riferito dalla ragazza”.

L’interrogatorio di garanzia per il terzo giovane ai domiciliari è fissato per lunedì.

La Procura starebbe analizzando anche alcuni video dell’accaduto: sono stati acquisiti i telefonini degli indagati. La violenza di gruppo sarebbe state consumata in un appartamento a fine serata.

Il fatto, come detto, è emerso nella giornata di ieri. Tre giovani sono stati arrestati per stupro dalla squadra mobile della Questura di Siena. I tre , tutti maggiorenni, si trovano ora ai domiciliari, dopo la denuncia di violenza sessuale di gruppo, presentata da una ragazza. Le misure cautelari sono state emesse, dopo gli accertamenti coordinati dalla Procura e dal Pm NIcola Marini. Le indagini hanno portato ad individuare quattro presunti responsabili, di cui un minorenne: il 17enne è indagato a piede libero. Tra gli arrestati, secondo quanto sarebbe emerso, ci sarebbe un calciatore del settore giovanile di una squadra di serie A.

Le misure cautelari, eseguite dagli agenti della squadra mobile senese tra la città toscana e la Sicilia, sono scattate dopo gli accertamenti coordinati dalla Procura che hanno portato a individuare quattro presunti responsabili, di cui uno 17enne, a sua volta indagato a piede libero. Sono state perquisite le abitazioni dei quattro indagati.

La scorsa settimana la ventenne aveva presentato la denuncia, raccontando che la violenza sessuale era avvenuta durante una festa privata in un’abitazione a Siena. Per lei è stato attivato il protocollo ‘Codice Rosso’ per la protezione della vittima.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui