brunello montalcino vino

L’associazione che riunisce oltre cento enoteche disegna il trend dei vini di Montalcino

“Il Brunello di Montalcino è uno dei vini più amati, se non il più amato, dagli enoappassionati e ha tenuto bene anche in questa situazione particolare causata dalla pandemia. Inoltre ho riscontrato, rispetto al 2019, un maggiore interesse verso il Rosso di Montalcino”. 

Andrea Terraneo, presidente di Vinarius, l’associazione che riunisce oltre cento enoteche, veri e propri presidi della cultura del vino, ha tracciato il trend dei vini di Montalcino sotto Natale, uno dei periodi di maggior fermento per quanto riguarda le vendite.

“Uscirà un report dettagliato all’inizio del 2021 – spiega Terraneo – ma a titolo personale posso confermare una tenuta del Brunello di Montalcino, e anche la Riserva è sempre gettonata. Non mi sorprende: dietro alla 2015, come alla 2016 prossima in uscita, si sono create grandi aspettative”.

In linea con gli anni passati, nonostante il Covid, anche l’andamento del 2020. “La richiesta c’è sempre stata – continua Terraneo – non ho visto grandi cambiamenti né in avanti né indietro. Durante l’anno va più il Rosso di Montalcino, di cui ho registrato un aumento di interesse. Quanto al Brunello, top brand d’Italia, è sicuramente una garanzia”. 

Per gli enotecari il periodo natalizio è un momento cruciale dell’anno. “Incide mediamente tra il 30 e il 40% del fatturato, il grosso del lavoro inizia questa settimana e finisce la prossima.

Vediamo cosa succede, ci sarà da capire la scelta del consumatore che quest’anno si limiterà a mangiare a casa e non al ristorante”, ha concluso il presidente di Vinarius, associazione che ha continuato, nei mesi scorsi, il suo percorso di formazione e aggiornamento.

Ad ottobre si tenne proprio a Montalcino uno stage di approfondimento tra visite alle cantine, degustazioni e focus sulla vendemmia 2015, che sta riscontrando un grande successo in tutti i canali di vendita, enoteche incluse. 

“Abbiamo un grande rapporto di stima e collaborazione con Vinarius – sottolinea il presidente del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino Fabrizio Bindocci – le enoteche sono le nostre ambasciatrici, presentano e fanno conoscere con grande professionalità i nostri vini ai Brunello Lovers.

Ci fa piacere sapere che il mondo del vino, non solo per noi produttori, continua ad andare avanti, nella speranza che il 2021 sia un anno prospero, nel segno di un ritorno ad una normalità che tutti ci auguriamo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui