Ancora nel mirino il logo dedicato alla città del cristallo: nelle ore notturne prosegue l’emergenza sicurezza

Due volte in due giorni. Si vede che avevano poco da fare i giovani teppisti che in questi giorni si sono divertiti a girare letteralmente al contrario le lettere della grande scritta gialla “Colle”, diventata un logo riconosciuto della città del cristallo.

La Scritta è un dono alla città, inaugurato nella Notte Gialla 2019, realizzata grazie alla volontà e al contributo dell’associazione La Scossa e della società Be Different, diventando rapidamente un simbolo, finito su molte riviste del turismo ed oggetto continuo di foto.

“Dispiace vedere quello che è diventato un simbolo identitario, oggetto di vandalismo – commenta Valerio Peruzzi, della Scossa – non è possibile che oggi chiunque possa sentirsi autorizzato a distruggere un bene pubblico. La comunità colligiana deve trovare una soluzione, per curare e tenere in buone condizioni quanto alcuni giovani con un’azienda locale hanno donato alla città. Spero si trovi quell’unione di intenti per rimettere a posto la scritta, in attesa di un sistema di telecamere”.

E non sono pochi i colligiani ad invocare l’installazione di telecamere in Piazza come nei punti più sensibili, visto che proprio la zona centrale di Colle Bassa è stata più volte oggetto di attenzioni da parte di baby gang.

Dispiaciuto anche Alessandro Campinoti, il quale aveva materialmente curato la realizzazione dell’opera, restaurandola più volte a proprie spese. Infatti in questi anni la scritta è stata distrutta altre due volte.

Ma che fastidio possono dare le cinque lettere componenti il nome della città?

Sarà per noia, saranno atti di goliardia, o semplicemente di idiozia, ma la questione permane nella sua gravità. Con una città che non è più quell’oasi felice, dove le regole valgono….a seconda del momento.

Paolo Moschi
Un etrusco con gli occhi puntati sulla Valdelsa. Aperto a tutto quanto si muove nelle città e nei paesi a nord di Siena, per raccontare la vitalità di terre antiche e orgogliose, ma anche dal cuore grande

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui