“Durante lo scorso mandato i crac finanziari del Siena Calcio e della Mens Sana ereditati dal passato furono risolti con la immediata rinascita. Anche Mps fu salvata”

L’ex sindaco di Siena Bruno Valentini ha risposto al commissario provinciale della Lega Siena Guglielmo Picchi che lo aveva accusato di essere stato il “sindaco dei fallimenti”.

“La stizzita risposta dell’ on. Picchi alla mia intervista sulla candidatura di Letta a Siena è veramente comica – afferma Valentini -. Invece di replicare sui contenuti, mi accusa di essere stato il sindaco dei fallimenti, sbagliando clamorosamente calendario“.

“Durante lo scorso mandato – continua l’ex sindaco -, infatti, i crac finanziari del Siena Calcio e della Mens Sana ereditati dal passato furono risolti con la immediata rinascita, rispettivamente, in serie C ed in A2, a differenza di adesso. Il polo delle Scienze della Vita (da non confondere con la sciagurata avventura di Siena Biotech) spicco’ il volo diventando quel motore di sviluppo ed occupazione che tutti ora riconoscono. L’Università (per merito di chi l’ha guidata) consolido il risanamento finanziario ed il suo standing nazionale, di recente confermato”.

“In quegli anni fu salvata Banca Mps – conclude Valentini – da possibili insolvenze grazie all’intervento straordinario del Governo Gentiloni-Padoan (contraria la Lega) per 7 miliardi e la Fondazione Mps riuscì a salvare il salvabile con la presidenza Mansi, estinguendo il debito che ne minacciava l’esistenza. Quanto poi alla contestazione di Salvini sulla provenienza ‘pisana’ di Letta, ricordo che la Giunta De Mossi ha il record storico di assessori non senesi (compresa la giustizia paliesca), oltre al direttore della Asp, di Siena Parcheggi, al Comdante della Polizia Municipale. E lo stesso Picchi è un fiorentino che fa il commissario provinciale della Lega a Siena”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui