“C’è bisogno di assumere personale in maniera degna e con tutele, assumere medici e guardie mediche, far funzionare le Usl e non le aziende usl, la sanità non può essere merce di profitto”

Nicola Bettollini, Segretario Sezione Valdichiana Senese Partito Comunista, ha commentato le dichiarazioni del sindaco di Chiusi Sonnini, che ha chiesto volontari nell’ambito dei servizi sanitari.

“Mi permetto – afferma Bettollini – all’interno del sano confronto politico, di far notare delle piccole incongruenze: abbiamo bisogni di una sanità territoriale completamente pubblica e che non abbia al suo interno logiche aziendali, ove, tanto per dirne una, i lavoratori e le lavoratrici non hanno possibilità decisionali e per assurdo non possono parlare all’esterno della ausl, per contratto, delle loro condizioni di lavoro”.

“I lavoratori – continua Bettollini – devono avere tutele e diritti e non costretti a lavorare 12 ore come schiavi e ritrovarsi ad avere colleghi che con la stessa loro mansione riscuotono metà stipendio perché l’altra metà serve a mantenere le finte cooperative! È una vergogna! C’è bisogno di volontari? C’è bisogno di assumere personale in maniera degna e con tutele, assumere medici e guardie medice, far funzionare le Usl e non le aziende usl, la sanità non può essere merce di profitto! Aggrapparsi ai volontari per nascondere le mancanze di un sistema sanitario che voi stessi come Partito avete creato assieme alla destra, non vi fa onore”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui