La doppietta di Disanto regala i tre punti ai bianconeri che si portano momentaneamente in vetta alla classifica

Pontedera – Siena 0-2
Reti: 9′ pt (r) e 7′ st Disanto
Pontedera (4-2-3-1): Siano; Espeche, Shiba, Martinelli (27′ st Bonfanti), Aurelio; Ladinetti (27′ st Mutton), Izzillo; Petrovic (1′ st Catanese), Fantacci (33′ st Perretta), Cioffi (33′ st Somma); Nicastro. A disposizione: Cagnina, Stancampiano, Paolieri, Pretato, Di Bella, Benedetti, Tripoli, Marcandalli. All. Catalano.
Siena (4-3-2-1): Lanni; Raimo, Crescenzi, Silvestri, Favalli; Collodel (46′ st Meli), Leone, Buglio (31′ st Castorani); Belloni (22′ st Riccardi), Disanto (46′ st Frediani); De Paoli (22′ st Arras). A disposizione: Manni, Farcas, Paloschi, Rizzitelli, Bianchi, De Santis, Franco. All. Lelli (Pagliuca squalificato).
Arbitro: Madonia di Palermo
Note: 28′ st espulso Espeche. Ammoniti Nicastro, Catanese, Raimo, Martinelli, Mutton; Angoli 2-5; Recupero pt 0′, st 3′.

Il Siena è sempre più bello. I bianconeri passano 2-0 sul campo del Pontedera e ritrovano subito i tre punti dopo il pari di Olbia. Mattatore dell’incontro è un super Disanto che trova la doppietta grazie ad un rigore ad inizio partita e a un’azione di grande intelligenza nei primi minuti della ripresa. In generale la prestazione della Robur ha sempre avuto il controllo della gara, a parte qualche minuto nella parte centrale della ripresa quando il Pontedera ha colpito una traversa. I pisani hanno anche chiuso la sfida in dieci per l’espulsione di Espache. I bianconeri sfideranno di nuovo i granata tra appena quattro giorni al Franchi per il primo turno della Coppa Italia Serie C. Il Siena è momentaneamente primo in classifica, in attesa dei risultati di Reggiana e Carrarese domani.

Primo tempo – Rispetto all’undici di Olbia lo squalificato Pagliuca cambia solo il centravanti, con De Paoli al posto di Arras. Il Siena parte meglio, ma il primo tentativo al 7′ è dei padroni di casa con Cioffi che calcia con violenza dalla lunga distanza non trovando lo specchio della porta. Passano però pochi secondi e i bianconeri infilano la difesa granata in contropiede e Belloni viene steso da Siano in area mentre cerca di saltarlo. L’arbitro non ha dubbi e indica il dischetto: dagli undici metri si presenta Disanto che batte il portiere pisano e porta in vantaggio la Robur. A questo punto il Pontedera non riesce a reagire, e continua a collezionare errori in fase d’impostazione, mentre il Siena continua a pressare e a spingere. Alla mezz’ora buona idea di Favalli che trova De Paoli al limite dell’area, ma l’attaccante bianconero strozza il tiro. Al 41′ ci provano i granata con un bel cross di Aurelio per la testa di Nicastro, ma la conclusione è debole e finisce fuori. Dall’altra parte il Siena è di nuovo pericoloso con un tiro defilato di De Paoli che costringe Siano a rifugiarsi in corner. Proprio su questo calcio d’angolo i bianconeri hanno la chance del raddoppio ancora con De Paoli che prolunga sul secondo palo per Buglio, che però non aggancia da ottima posizione.

Secondo tempo – Nella ripresa la prima occasione è per il Siena al terzo con un colpo di testa di Crescenzi su calcio d’angolo che termina di poco fuori. Passano quattro minuti e la Robur trova il raddoppio: errore in disimpegno della difesa granata sul quale si avventa Disanto, che anticipa Siano, lo salta e da una posizione molto angolata riesce trovare la doppietta. Al 12′ grande brivido per i bianconeri a causa di un cross di Fantacci per Catanese che in tuffo di testa colpisce una clamorosa traversa. Il Pontedera è in un buon momento e tre minuti dopo si rende ancora pericoloso con Nicastro che calcia dal limite dell’area ma non trova la porta. Al 25′ ancora un colpo di testa di Crescenzi su un corner di Disanto, ma anche in questa occasione la sfera supera i pali. Al 28′ il Pontedera finisce in dieci: contropiede letale orchestrato da Raimo e Disanto, il pallone arriva al limite dell’area ad Arras che viene fermato irregolarmente da Espeche: per l’arbitro è rosso. Sulla punizione successiva Disanto sfiora di poco l’incrocio. Alla mezz’ora il Siena spreca il 3-0: assist geniale di Disanto per Arras che salta Siano e a porta vuota calcia sull’esterno della rete. Nel finale i bianconeri controllano il doppio vantaggio e difendono fino al triplice fischio l’imbattibilità di Lanni, che ormai è vicina ai cinquecento minuti.

Sono nato a Melito di Porto Salvo (RC) e mi sono diplomato al Liceo Classico di Reggio Calabria. Dopo la maturità, ovvero sia più di sei anni fa, mi sono trasferito a Siena, una città che ormai è più di una seconda casa. Qui ho conseguito una laurea triennale in Scienze Politiche e una magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche. Da sempre appassionato alla scrittura, il mio proposito è quello di raccontare ciò che mi accade intorno in modo obiettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui