“Siamo al 70 per cento rispetto ai numeri degli scorsi anni, grazie anche alla campagna promozionale realizzata da Opa” dice Pratesi. Il Duomo di Siena si conferma meta turistica di eccellenza

Coperto con fogli di masonite per essere protetto dal passaggio dei visitatori, il pavimento del Duomo di Siena, è tornato scoperto e, come accade almeno una volta l’anno per circa due mesi, folle di visitatori da ogni parte del mondo si apprestano ad ammirarne le fattezze.

Anche quest’anno, nonostante il Covid e le conseguenti misure di sicurezza atte a contenere il contagio, la bellezza artistica del commesso marmoreo continua ad ammaliare i visitatori da ogni luogo, con una prevalenza oggi di estimatori italiani.

“Abbiamo notato un forte cambiamento nei visitatori-spiega Guido Pratesi, rettore dell’Opera Metropolitana del Duomo di Siena– mentre lo scorso anno avevamo più o meno il 50% di turisti stranieri e il restante 50% italiani, da quest’anno la quota italiana si assesta sul 70%. Si tratta di un turismo completamente diverso: gli italiani considerano l’esperienza come una gita familiare ed hanno un modo di comportarsi, di rapportasi alla città diverso perché comprano, vanno lentamente, godendo non solo del bene artistico che sono venuti a vedere, ma anche della città”.

Ma soprattutto, dato il momento storico di forte unicità e, nonostante le difficoltà, i risultati fin ora raggiunti sembrano delineare un quadro positivo “il risultato per la città è stato ottimale – spiega il rettore – siamo intorno al 70% delle presenze, a confronto con lo scorso anno. Tutte le altre città d’arte sono intorno al 30%. Questo è stato possibile grazie anche alla campagna promozionale fatta da Opa”.

Ora non rimane che vedere quali saranno i numeri dopo il periodo estivo “è ovvio che tutto questo va verificato già da lunedì in poi -conclude Pratesi- finito il periodo di Ferragosto quando tradizionalmente tutti gli italiani sono in ferie, dovremo capire quanto il fenomeno si può ridimensionare, nella speranza che non si riduca”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui