L’assessore al turismo Giunti: “Superati i dati precedenti alla pandemia”

Il turismo a Siena volta definitivamente pagina dopo la pandemia e continua a crescere di anno in anno: è questo quello che dicono i dati del report turistico Istat del 2023. A stupire in positivo sono soprattutto le presenze, che si attestano su un milione e duecentomila, ovvero un +17% rispetto al 2019, anno di riferimento pre-Covid. Aumentano anche gli arrivi, che si aggirano intorno al mezzo milione, +7% in questo caso rispetto a quattro anni prima.

“I dati che presentiamo ci rendono orgogliosi del lavoro che abbiamo fatto perchè sono in significativa crescita – afferma l’assessore al turismo del Comune di Siena Vanna Giunti -. Abbiamo superato la situazione pre-pandemia e siamo andati meglio anche rispetto all’anno scorso. C’è un andamento in crescita che ci dà soddisfazione e fa prevedere incrementi anche per il 2024. Siamo soddisfatti della risposta, c’è stato un leggero calo negli italiani ma c’è stato un aumento negli americani. Vogliamo alzare il target puntando su un turismo alto spendente. Devo dire che l’andamento promette bene, è uno stimolo per continuare in questa direzione“.

Comune di Siena

Tra i vari numeri spicca per l’appunto il fatto che su oltre un milione di presenze più del 60% siano stranieri e ad essere privilegiati siano gli alberghi di lusso, anche rispetto al 2019. In maggioranza ci sono gli americani, seguiti da tedeschi, francesi, britannici e brasiliani. In netto calo invece i russi, un effetto della crisi ucraina. Molto interessanti anche i dati sulla stagionalità: i mesi più gettonati per venire a Siena sono agosto e settembre, mentre gennaio e febbraio sono da identificare come bassa stagione. Aumenta anche la permanenza: nel 2023 è stata di 2.3 notti. Ottimi numeri anche per le strutture extralberghiere e per le locazioni turistiche (quasi raddoppiate le loro presenze).

Provincia di Siena

In crescita anche i numeri della Provincia di Siena. Le presenze in questo caso sono più di sei milioni, quasi il 9% in più rispetto al 2019. Gli arrivi sono invece più di due milioni, il 6% in più di quattro anni prima, +11% rispetto a un anno fa. Pure qui dominano gli alberghi di lusso e gli stranieri, sempre con prevalenza di americani e tedeschi, anche se al terzo posto ci sono i britannici. La destinazione Siena pesa sugli arrivi provinciali per il 21%.

Vincenzo Battaglia
Sono nato a Melito di Porto Salvo (RC) e mi sono diplomato al Liceo Classico di Reggio Calabria. Dopo la maturità, ovvero sia più di sei anni fa, mi sono trasferito a Siena, una città che ormai è più di una seconda casa. Qui ho conseguito una laurea triennale in Scienze Politiche e una magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche. Da sempre appassionato alla scrittura, il mio proposito è quello di raccontare ciò che mi accade intorno in modo obiettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui