Pomeriggio sfortunato per gli amiatini. Due gol subiti, un’espulsione e un rigore sbagliato nel primo tempo

PIANESE – SAN DONATO TAVARNELLE 0-3
Reti: pt 3’ Marzierli, 7’ Regoli; st 19’ Gerardini
Pianese (4-3-3): Crispino, Battistelli (1’ st Palma), Bernardini, Gagliardi, Folino, Simeoni, Mattiolo, Kondaj (1’ st Ambrogio, Lepri (22’ st Seminara), Convitto (22’ st Cesario), Marino (36’ st Iacullo). A disp. Vivoli, Ricci, Modic, Brenci. All. Roberto Bacci
San Donato Tavarnelle (4-3-1-2): Cardelli, Zini, Pisaneschi, Caciagli (36’ st Noccioli), Marzielli, Russo (15’ st Buzzegoli), Montini, Carcani (36’ st Ciurli), Regoli, Borghi (25’ st Tognetti), Gerardini (20’ st Pino). A disp. Viti, Pierucci, Calonaci. All. Paolo Indiani
Arbitro: Di Reda di Molfetta (Nicosia – Perali)
Note: angoli 11-2. Ammoniti Caciagli, Bernardini, Carcani, Gagliardi, Ambrogio. Espulso Bernardini (P) per doppia ammonizione. Recupero: pt 1’, st 3’

Troppo San Donato Tavarnelle per la Pianese. La capolista surclassa le Zebrette con un sonoro 0-3, pervenuto dopo che la partita era iniziata con venti minuti di ritardo a causa della nebbia fittissima scesa sul Comunale di Piancastagnaio.

I fiorentini partono subito forte tanto che, sfruttando la poca visibilità in campo, passano in vantaggio grazie a Marzierli, che gonfia la rete su tap-in dopo una pregevole triangolazione in area di rigore. Nemmeno il tempo di riportare il pallone a centrocampo che, al secondo affondo, gli ospiti raddoppiano. Al 7’, infatti, l’ex Paolo Regoli (che alla Pianese aveva giocato due anni fa, nella prima storica stagione in Serie C) viene lasciato colpevolmente solo da Bernardini e, senza problemi, con un’incornata mette il pallone alle spalle del neo arrivato Crispino. La Pianese, colpita a freddo da questo micidiale uno-due, mette il naso in avanti all’11’, con Marino che effettua un traversone basso su cui Lepri però non arriva; due minuti più tardi Marino calcia dai 25 metri ma Cardelli si tuffa e manda in angolo. Al quarto d’ora il San Donato potrebbe addirittura triplicare, se non fosse che il tiro di Gerardini termina di poco a lato. La prima occasione locale per dimezzare il vantaggio giunge al 28’ sui piedi di Lepri, che con un pallonetto scavalca il portiere avversario prima del provvidenziale intervento di Pisaneschi. È il preludio, questo, ad un doppio harakiri bianconero: prima, al 36’, Bernardini viene espulso per doppia ammonizione e poi, ad un passo dall’intervallo, Convitto calcia nella stratosfera un calcio di rigore.

È una Pianese che comunque inizia il secondo tempo in maniera arrembante: Convitto, desideroso di farsi perdonare per il penalty sbagliato, non arriva su un cross di Mattiolo per questione di centimetri. La sfortunata giornata dei bianconeri culmina col terzo gol gialloblu: l’ex Sinalunghese Gerardini, su una ripartenza in velocità da centrocampo, è lesto quanto basta a superare ancora una volta Crispino. Bacci, allora, opera dei cambi: Cesario, tra i subentrati, è quello più in palla. L’attaccante bianconero su punizione, a dieci minuti dalla fine, fa fare bella figura al portiere fiorentino e poi colpisce un palo. A pochi secondi dal termine, la ciliegina sulla torta alla giornata-no la mette Simeoni, che a porta libera spedisce il pallone alle stelle. Con questa vittoria, il San Donato mantiene la prima posizione in classifica; la Pianese, invece, scende al settimo posto in classifica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui