Palio rinviato di una giornata dopo il maltempo che si è abbattuto su Siena ieri pomeriggio. L’ultima volta che un Palio era stato rinviato a causa della pioggia nel 2015.

Questo l’ordine di ingresso al canape chiamato dal mossiere Bartolo Ambrosione:
Leocorno, Giraffa, Selva, Valdimontone, Onda, Civetta, Tartuca, Nicchio, Lupa, e Chiocciola di rincorsa.

Il mossiere chiama subito alla calma, nonostante il buon allineamento dei barbèri tra i canapi, ma richiama comunque fuori tutte le contrade.

Ambrosione chiede lo spazio per il Leocorno nella prima posizione, inizia un pò di nervosismo tra i canapi.
Entra la Chiocciala, prima mossa invalidata, forse a causa della posizione girata della Tartuca, con una partenza fulminea di Leocorno e Giraffa seguite dalla Selva in terza posizione. Fiancano molto bene le tre contrade in basso.

Si rientra tra i canapi con l’ordine d’Ingresso.

Mossa valida, parte in testa la Selva ma il Leocorno si porta subito al primo San Martino, seguono ancora la Selva e il Montone. Gira primo al Casato Tittia fino a Fonte Gaia. Secondo San Martino con un ottimo vantaggio. Quattro i cavalli scossi.
Tittia conduce con un vantaggio ampio ed entra a San Martino conservando la posizione, gira al Casato e si porta al bandierino vincendo con Violento da Clodia con i colori del Leocorno.

Quarta vittoria consecutiva per Giovanni Atzeni, vincitore anche del Palio di luglio con il Drago.

La Contrada del Leocorno vince il Drappellone dipinto da Andrea Anastasio, un trionfo di luce grazie alla particolare tecnica di stampa grafica sulla tela di seta completamente piena di pailletes.

Tre le coppie di rivali presente questa sera sul tufo: Chiocciola-Tartuca, Civetta-Leocorno e Nicchio-Valdimontone.

Queste le accoppiate del Palio dell’Assunta 2022:

TARTUCA con REMOREX montato da Federico Arri detto Ares

LUPA con ASTORIUX montato da Giuseppe Zedde detto Gingillo

GIRAFFA con ARESTETULESU montato da Federico Guglielmi detto Tamurè

CIVETTA con UNGAROS montato da Massimo Columbu detto Veleno II

LEOCORNO con VIOLENTA DA CLODIA montato da Giovanni Atzeni detto Tittia

NICCHIO con ZIO FRAC montato da Stefano Piras detto Scangeo

VALDIMONTONE con SOLU TUE DUE montato da Giosuè Carboni detto Carburo

ONDA con TABACCO montato da Carlo Sanna detto Brigante

SELVA con REO CONFESSO montato da Sebastiano Murtas detto Grandine

CHIOCCIOLA con VISO D’ANGELO montato da Jonatan Bartoletti detto Scompiglio

Il giornalismo è una professione che non si sceglie, è lui che sceglie te. Ho sempre creduto che il valore di un vero professionista sta nel fatto di mettersi completamente a servizio del "racconto", stare un passo indietro piuttosto che sentirsi gli attori di ciò che scriviamo. Noi siamo solo il tramite per far arrivare il "racconto". Per questo prendo in prestito le parole di Joseph Pulitzer per ricordare la raccomandazione più importante: "Presentalo brevemente così che possano leggerlo, chiaramente così che possano apprezzarlo, in maniera pittoresca che lo ricordino e soprattutto accuratamente, così che possano essere guidati dalla sua luce."

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui