Sono le prime di Giovanni Atzeni intervistato nella stalla del cavallo vittorioso Zio Frac

È stato forse il Palio piu importante della sua carriera. Un Palio condotto e rincorso da solo con quella fame che Tittia ha dimostrato fino all’ultimo bandierino.

“Il cavallo l’ho individuato subito all Tratta – ha detto Atzeni- e la scelta della Contrada del Drago é stata immediata”.

“Volevo montare lui. Per me era il primo e ci credevo fin dall’inizio”.

Un Palio mai visto nella storia, corso da sole sei Contrade dopo 4 mosse invalidate, ma Giovanni non ha dubbi sul mossiere Bircolotti :”È una garanzia per noi fantini. Ha dato tante mosse”.

Un lavoro impeccabile fatto dalla stalla del Drago in questi quattro giorni, tutta inglese dal veterinario al maniscalco.

E poi la dedica:” Il primo saluto va ad Andrea Mari, l’ho pensato prima di salire a cavallo. E poi la mia famiglia e in particolare mio figlio”.

Giovanni Atzeni detto Tittìa, fantino vittorioso del Drago – Palio luglio 2022

Il barbaresco del Drago Tommaso Giuntini
Il giornalismo è una professione che non si sceglie, è lui che sceglie te. Ho sempre creduto che il valore di un vero professionista sta nel fatto di mettersi completamente a servizio del "racconto", stare un passo indietro piuttosto che sentirsi gli attori di ciò che scriviamo. Noi siamo solo il tramite per far arrivare il "racconto". Per questo prendo in prestito le parole di Joseph Pulitzer per ricordare la raccomandazione più importante: "Presentalo brevemente così che possano leggerlo, chiaramente così che possano apprezzarlo, in maniera pittoresca che lo ricordino e soprattutto accuratamente, così che possano essere guidati dalla sua luce."

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui