L’intervento del deputato del Partito Democratico durante una discussione a Montecitorio sugli incentivi al settore edile

Sugli ecobonus i cittadini e le imprese hanno bisogno di certezze e non di un quadro normativo mutevole: si tratta infatti di programmare interventi e lavori che richiedono mesi, risorse finanziarie ingenti e molti oneri burocratici“. E’ quanto dichiara Luca Sani, deputato Pd in Commissione Finanze, intervenendo a Montecitorio nel corso della discussione delle mozioni relative agli incentivi per il settore edile.

“Occorrono accorgimenti rispetto agli ultimi provvedimenti varati dal governo – continua Sani -: mi riferisco in particolar modo al tetto Isee per le abitazioni unifamiliare inserito nella Legge di Bilancio sul Superbonus, che rischierebbero di creare paradossalmente perequazioni fiscali con i condomini di lusso. Senza dimenticare il recente decreto antifrode i cui contenuti, nonostante le finalità condivisibili, potrebbe produrre eccessivi intoppi burocratici per interventi anche minimi e la cui retroattività su commesse già avviate e lavori già programmati potrebbe avere effetti negativi sul rilancio di un settore, quello dell’edilizia, da sempre traino dell’economia nazionale”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui