Infiltrazioni d’acqua, fontane vuote piene di spazzatura, una piazza enorme ed inutile

Il turista, il lavoratore e lo studente che si reca a Siena con il treno non può certamente rimanere colpito positivamente dalla nostra stazione, che oltre ad offrire poche corse giornaliere e sicuramente non comode, si ritrova in un luogo con uno stato avanzato di degrado. 

Mattonelle rotte nei sottopassaggi e in superficie, perdite d’acqua e tettoie che cascano a pezzi, sono solamente alcune delle problematiche che si riscontrano appena si varca la soglia della stazione, luogo che durante la notte è anche diventato il rifugio dei senzatetto.

Tre sono le fontane situate davanti all’ingresso, nella enorme piazza, ormai spente e inutilizzate da anni, che sono diventate raccoglitori di acqua piovana ristagnante e spazzatura. Oltre a non essere un bella presentazione per la città, sono anche un disagio a causa della loro grandezza, occupando quasi l’intero spazio di fronte alla stazione e riducendo al minimo quello per il passaggio di mezzi pubblici, autobus, taxi e automobili che si incolonnano in un corridoio stretto e scomodo.

Una città come Siena si merita di avere una cartolina di benvenuto diversa, degna della bellezza che essa rappresenta a livello mondiale.

1 commento

  1. Il problema non è la piazza…. è più che altro che non ci sono treni ed i pochi che ci sono vengono utilizzati da pendolari non da turisti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui