Capienza ridotta a 4999 spettatori, in attesa delle decisioni sul pubblico

E’ stata trovata la soluzione per lo stadio Artemio Franchi, grazie al lavoro portato avanti da amministrazione comunale e società. Rispetto all’agibilità che era stata concessa a luglio, infatti, negli ultimi giorni di settembre era emerso il diniego alla presenza di pubblico negli impianti da parte del genio civile. Grazie al lavoro di amministrazione comunale (proprietaria dell’impianto) e società Acn Siena, che ha ingestione lo stadio (come da delibera comunale fino a febbraio, poi servirà un bando), si è deciso di ridurre la capienza a 4999 spettatori, cosa che permette l’utilizzo dell’impianto stesso.

La società si è impegnata, come già annunciato, a procedere con il progetto di riqualificazione dello stadio. Questa soluzione permette da una parte di utilizzare senza alcun problema la tribuna coperta e altri settori dello stadio, fino appunto alla capienza di cinquemila spettatori, almeno fino alla fine della stagione. Nel frattempo la società procederà con il progetto, mentre l’amministrazione comunale si è impegnata a rendere agibile la tribuna coperta in caso di precipitazioni nevose, che potrebbero creare problemi alla struttura, che comunque non presenta al momento alcun problema di sicurezza e quant’altro.

Tutto questo è comunque legato anche alle decisioni che verranno prese per quanto riguarda la presenza del pubblico. L’ordinanza regionale che avrebbe permesso ai tifosi del Siena di essere presenti alla trasferta in programma per ieri a Scandicci, infatti, vale soltanto fino ad oggi, in attesa del nuovo Dpcm che dovrebbe arrivare mercoledì e dovrebbe fissare le norme anche per quanto riguarda le partite di calcio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui