L’evento organizzato dal Consorzio di Bonifica, Trekking Toscani e The Ploggers

Il fiume e il castello abbandonato nell’Alto Merse. Si chiama così un nuovo evento all’insegna della natura e dell’educazione ambientale organizzato dal Consorzio di Bonifica 6 Toscana Sud, insieme a Trekking Toscani, a The Ploggers e al Comune di Sovicille. L’evento di domenica 24 settembre, data non casuale visto che negli stessi giorni Legambiente celebra in tutta Italia Puliamo il mondo, è in programma nel territorio comunale di Sovicille, con un’iniziativa che prenderà il via al mattino (ritrovo alle 9,30) nella riserva naturale dell’Alto Merse.

Tra gore, dighe e mulini storici in mezzo al bosco e altre importanti opere idrauliche costruite lungo il Merse, i partecipanti guidati dagli accompagnatori di Trekking Toscani raggiungeranno un selvaggio e isolato castello abbandonato, dal nome suggestivo “Castiglion che Dio Sol Sa”. Lungo il cammino non mancheranno ovviamente le attività di raccolta dei rifiuti, grazie alla presenza dei The Ploggers.

“Il mulino della Ricausa e le opere idrauliche sul Merse – afferma Martina Bencistà, ingegnere del Consorzio di Bonifica 6 Toscana Sud – la visita al castello abbandonato e l’immersione nella selvaggia natura di questa riserva rappresentano i maggiori momenti di interesse di questa coinvolgente giornata”. L

’itinerario ha una lunghezza di 9 chilometri con 220 metri di dislivello, con pranzo al sacco. “Il nostro consorzio – chiosa Fabio Bellacchi, presidente di Cb6 – continua nel suo impegno a tutela e difesa dell’ambiente, anche con iniziative di sensibilizzazione come questa. Peraltro particolarmente significativa, nei giorni di Puliamo il mondo”.

“Ringraziamo il Consorzio di Bonifica e gli altri organizzatori – afferma Giuseppe Gugliotti, sindaco di Sovicille – per aver scelto il nostro territorio come teatro di un’iniziativa che alla sensibilità ambientale unisce la possibilità di immergersi nell’incanto di un sentiero ricco di testimonianze storiche e naturalisticamente straordinario. Fra l’altro, il trekking segue un percorso che il Comune di Sovicille, in collaborazione con il Cai, ha di recente recuperato e restituito ad una piena fruizione pubblica”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui