Duro comunicato delle segreterie di coordinamento della Banca Monte dei Paschi di Siena

Ormai difficile capire se esiste una data certa per la chiusura di filiali e la trasformazione di altre in sportelli avanzati della Banca Monte dei Paschi. Lo spin off, previsto prima della fine dell’anno, è slittato al mese di gennaio, pare il 13-14, creando una serie infinita di problematiche.

“Siamo costretti a tornare sull’argomento chiusura filiali – scrivono i sindacati Mps – ma quanto accaduto ieri in tarda serata riguardo lo slittamento dello spin off nel mese di gennaio conferma quanto già da noi denunciato nel documento dello scorso 11 dicembre, ovvero una totale disorganizzazione e incomunicabilità tra le funzioni aziendali“.

E proseguono: “Non è certo nostra intenzione in questo momento andare ad individuare le responsabilità dell’ennesimo cortocircuito, quello che ci preme è la salvaguardia dei colleghi che ad oggi si trovano impossibilitati a svolgere le loro attività in quanto il percorso di chiusura
era quasi completato, i processi operativi di integrazione già avviati ed i trasferimenti già comunicati. Si trovano, quindi, oggi a dover far fronte ad una operatività limitata in filiali talvolta inagibili in quanto, ormai, svuotate. Non è tollerabile che l’azienda scarichi sui lavoratori le responsabilità e gli oneri derivanti da disfunzioni e scelte organizzative sbagliate”.

“È necessario che l’azienda fornisca quanto prima a tutti i colleghi coinvolti istruzioni operative certe che non li espongano ulteriormente a rischi operativi di cui non possono essere ritenuti certo responsabili – scrivono le segreterie. – A queste considerazioni rivolte all’ambito rete commerciale, si aggiungono le preoccupazioni per la parte tecnica ed infrastrutturale che deve rendere possibile l’integrazione informatica”.

“Come organizzazioni sindacali – concludono – non possiamo che sottolineare nuovamente come l’uscita di oltre 4200 colleghi da ogni ambito aziendale, con il relativo bagaglio professionale, torni dirompente come tema a cui trovare una soluzione congrua e non più procrastinabile
per consentire una ripresa di operatività fluida e funzionale evitando di lavorare in un continuo stato emergenziale. È necessario attuare un reale cambio di passo per non vanificare tutti gli sforzi fino ad oggi sostenuti dalle lavoratrici e dai lavoratori del Monte dei Paschi, ormai stremati che rischiano di perdere fiducia nel management oltre all’affezione aziendale che da sempre ci contraddistingue”.

Lascio agli altri la convinzione di essere i migliori, per me tengo la certezza che nella vita si può sempre migliorare

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui