Giovedì 22, alle 18, il giornalista di Report presenterà al teatro dei Rozzi di Siena il nuovo libro

E’ in programma giovedì 22 febbraio l’ultimo appuntamento di “Pagine di legalità”, la rassegna curata da Comune di Siena e Teatri di Siena in collaborazione con Movimento Agende Rosse, Antimafia Duemila e Avviso Pubblico, con la quale la città incontra i protagonisti della lotta alle Mafie. Alle ore 18 al teatro dei Rozzi sarà la volta della presentazione del libro “Il patto. La trattativa fra Stato e mafia nel racconto inedito di un infiltrato” di Sigfrido Ranucci e Nicola Biondo. Saranno presenti l’autore e giornalista Sigfrido Ranucci e l’avvocato Fabio Repici. Modererà l’incontro il direttore di “Antimafia Duemila” Giorgio Bongiovanni.

“Il patto”. Biondo e Ranucci pubblicano con la casa editrice Chiarelettere un testo su Luigi Ilardo, uomo di mafia, infiltrato nella sua stessa organizzazione. “Questo libro – scrive Ranucci nella prefazione – racconta la storia della clamorosa infiltrazione di Luigi Ilardo, nome in codice ‘Oriente’, ex capo di un potente e strategico clan, quello della provincia di Caltanissetta, e cugino di Giuseppe Piddu Madonia, boss della commissione regionale di Cosa nostra. Un’infiltrazione, dunque, di primo livello la sua. […] “Siamo nei primi anni Novanta del secolo scorso anni drammatici per il paese travolto dalle stragi e da Tangentopoli, e sembra di leggere la sceneggiatura di un film, ma è tutto vero. Il racconto dell’infiltrato Ilardo fa toccare con mano il disegno ignobile del patto di cui tanto si è scritto e parlato in questi anni”.

L’ingresso all’evento è libero su prenotazione sul sito dei Teatri di Siena. (https://teatridisiena.it/il-patto-sigfrido-ranucci-e-nicola-biondo/).

Nicola Biondo giornalista freelance, scrive per l’Unità. È stato consulente di diverse procure. Ha lavorato nella redazione di “Blu notte” di Carlo Lucarelli. Si è occupato della vicenda Moro in “Una primavera rosso sangue. L’affaire Moro, i documenti ufficiali, gli attori, i protagonisti, le fazioni ancora in lotta” (Edizioni Memoria 1998) e “Il falsario di Stato. Uno spaccato noir della Roma degli anni di piombo”, scritto con Massimo Veneziani (Cooper, 2008). Con Sigfrido Ranucci ha scritto “Il patto” (Chiarelettere, 2010). Tra gli altri suoi libri ricordiamo “Alkamar. La mia vita in carcere da innocente”, scritto con Giuseppe Gulotta (Chiarelettere, 2013), “Supernova”, scritto con Marco Canestrari (Ponte alle Grazie, 2018) e, sempre con Marco Canestrari, “Il sistema Casaleggio” (Ponte alle Grazie, 2019).

Sigfrido Ranucci, Giornalista inviato Rai, ha realizzato numerose inchieste sulle stragi di mafia tra le quali l’ultima intervista al giudice Paolo Borsellino. Laureato in Lettere alla Sapienza, ha iniziato la sua carriera lavorando a Paese Sera. Nel 1989 è passato al TG3 dove si è occupato di cronaca, attualità e sport, ma è stato anche inviato nei Balcani e a New York per l’11 settembre 2001. Nel 2001 e 2002 ha vinto il primo “Premio per l’informazione Internazionale Satellitare” con un’inchiesta sul traffico di rifiuti radioattivi. Nel 2005 ha vinto il Premio “Ilaria Alpi” per l’inchiesta “Servitù Militari”. Sempre nel 2005 ha realizzato “Fallujah, la strage nascosta”, un’inchiesta che ha fatto il giro del mondo e che denunciava l’utilizzo del fosforo bianco da parte dell’esercito americano sui quartieri della città irachena. Con “Fallujah” ha ricevuto nel 2006 il premio “Ilaria Alpi”; la “Colomba d’oro per la Pace”, un riconoscimento della giuria dell’Archivio Disarmo, il premio Cronista dell’Anno; e il premio Mario Francese. Ha sostituito Milena Gabanelli alla conduzione della trasmissione Rai di inchiesta “Report”. Con Nicola Biondo ha scritto “Il patto”. Nel 2024 esce per Bompiani, “La scelta”.

“Pagine di legalità – Siena incontra i protagonisti della lotta alle Mafie” è il nome della rassegna che raccoglierà le storie dell’antimafia I principali protagonisti, magistrati, giornalisti, scrittori racconteranno la loro esperienza e testimonianza quale contributo per aiutare a fare chiarezza su tematiche troppo spesso ignorate o fraintese. Sul palco, si avvicenderanno personaggi la cui vita ha incontrato la criminalità organizzata, cambiandola per sempre: Nino di Matteo, Saverio Lodato, Aaron Pettinari, Salvatore Borsellino, Luana Ilardo, Nicola Gratteri, Sigfrido Ranucci. La rassegna è un progetto del Movimento Agende Rosse, nato in seguito alla morte di Paolo Borsellino, sviluppato con il Comune di Siena.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui