PIANESE VS ACN SIENA GUIDONE GOL ESULTANZA ABBRACCI

Da domani si fa sul serio con il ritiro di Borgo a Buggiano e Montecatini. Nel frattempo si avvicina il 27 luglio, data in cui il Consiglio Federale si esprimerà sui ripescaggi

La stagione del Siena è ormai iniziata a tutti gli effetti. Stamattina e oggi pomeriggio ci sarà un altro giro di visite mediche, poi da domani si fa sul serio, con il ritiro di Borgo a Buggiano e Montecatini.

E’ stata una pausa molto intensa quella delle ultime settimane per l’ambiente bianconero. Dopo un anno deludente, pieno di sfortuna e imprevisti, conclusosi comunque con l’obiettivo minimo dei play-off, il Siena è stato rivoluzionato a partire dalle fondamenta. La conferma di Gilardino in panchina e il ritorno di Perinetti nel ruolo di direttore sportivo e di Causarano come responsabile sanitario, sono la dimostrazione che la società ha deciso di puntare su figure di alto profilo per riportare il Siena sui palcoscenici che merita.

Perinetti si è scatenato sul mercato, annunciando praticamente due nuovi acquisti al giorno. Tra questi spiccano i nomi di Francesco Disanto, che nella passata stagione con la maglia del San Donato Tavarnelle aveva creato tantissimi grattacapi alla Robur, e Diego Conson, difensore di grandissima esperienza e con 200 presenze tra i professionisti. Non sono mancate le conferme, come quella di Leonardo Terigi, che ieri è stato uno dei primi a svolgere le visite mediche, insieme ai giovani Morosi, Ludovici, Zaccone e Coccia. Il mercato però è ancora lungo ed è lecito pensare che il meglio debba ancora venire.

Tuttavia, alla vigilia dell’inizio del ritiro, gli occhi sono tutti puntati su ciò che avverrà martedì. Infatti il Consiglio Federale si riunirà alle 11 per esprimersi sui ripescaggi in serie B e in serie D. Secondo alcune indiscrezioni, il Siena avrebbe buona possibilità di promozione, ma ci sono molti scenari e numerose incognite, è difficile fare previsioni ed il rischio è di rimanere delusi. Perciò ai bianconeri non resta che concentrarsi sul ritiro e sulla serie D, anche se qualche pensiero sarà inevitabilmente rivolto al 27 luglio, una data che potrebbe cambiare totalmente il destino della Robur.

Sono nato a Melito di Porto Salvo (RC) e mi sono diplomato al Liceo Classico di Reggio Calabria. Dopo la maturità, ovvero sia più di sei anni fa, mi sono trasferito a Siena, una città che ormai è più di una seconda casa. Qui ho conseguito una laurea triennale in Scienze Politiche e una magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche. Da sempre appassionato alla scrittura, il mio proposito è quello di raccontare ciò che mi accade intorno in modo obiettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui