Ecco come i commercianti della città, affrontano il periodo dei saldi nonostante la mancanza di turismo

Da qualche giorno, come di consueto nel periodo estivo, è ricominciato quello che è il periodo dei saldi. Questa stagione davvero molto diversa rispetto gli scorsi anni, è iniziata in ritardo dato il volere da parte delle imprese di spostare la data dal 4 luglio al 1 agosto. Ovviamente questo periodo è ancora caratterizzato da problematiche che hanno gravemente influito sull’andamento delle attività del centro storico di Siena.

Infatti, come ci viene detto da alcuni degli intervistati, nonostante un lieve miglioramento del flusso di turismo nel cuore delle mura, questo non basta del tutto a rialzare quella che è la struttura economica cittadina che gira intorno al continuo arrivo di turisti in città. Nonostante l’andamento delle vendite sia ancora un po’ ballerino, i commercianti iniziano ad intravedere quello che è uno spiraglio di luce in fondo a quel tunnel che il Covid ha portato a tutte le attività. Infatti, malgrado in molti hanno palesato come ancora si viva alla giornata, sono fiduciosi sul futuro e che presto possa tutto tornare alla normalità.

Come espresso anche da una commerciante intervenuta ai nostri microfoni: “L’andamento momentaneamente è positivo. Ci sono giorni in cui si vende di più, altri in cui si vende di meno. Ho notato un ritorno di turisti stranieri ed italiani che di sicuro non basterà per risollevare tutte le attività cittadine, ma è un inizio. Ci dobbiamo accontentare“. Dunque, nonostante siano iniziati i saldi, ancora è difficile essere del tutto ottimisti, ma si intravede uno spiraglio, aspettando però che il turismo riparta con la stessa intensità che ha sempre caratterizzato Siena.

La parola ai commercianti della città

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui