“E’ arrivato il momento di ripartire. Non mi aspettavo il ritorno di Perinetti, ma sono molto contento, mi ha aiutato tanto in carriera. Ripescaggio? Vediamo che succede, altrimenti ci guadagneremo la C sul campo”

Inizia oggi il ritiro del Siena a Montecatini. Oggi i ragazzi convocati da mister Gilardino si ritroveranno nella città termale e da domani partiranno i test fisici in collaborazione con l’Università di Siena. Nei giorni successivi incomincerà il ritiro vero e proprio, con le amichevoli pre-stagionali ancora da fissare. Ieri si è svolto l’ultimo giro di visite mediche prima della partenza per Montecatini e tra gli altri era presente anche Stefano Guberti.

“E’ arrivato il momento di riprendere – afferma Guberti -. L’anno scorso è stato un campionato particolare sotto tanti punti di vista, è durante anche tanto a causa del Covid. Ci vorrà qualche giorno per conoscere tutti i nuovi compagni, ma il tempo non mancherà. Provo sempre a dare una mano a chi arriva, man mano che passano gli altri so che ho il compito di fare integrare anche i nuovi. Non abbiamo tempo da perdere, dobbiamo cercare di fare gruppo per ottenere risultati importanti“.

Tra le novità di questa stagione quella che spicca di più è sicuramente il ritorno di Giorgio Perinetti come direttore sportivo: “E’ un piacere ritrovarlo – prosegue Guberti -, lo devo ringraziare perché mi ha fatto fare il salto di qualità a Bari. Ovviamente non ho più l’età che avevo allora, però ho ancora tanto da imparare da lui. Non mi aspettavo il suo ritorno, è stata una sorpresa, ma quando è uscita la voce ci ho sperato tantissimo. E’ uno che sa organizzare l’ambiente, ha già creato una buona base nello staff e nella squadra”.

Non mancano però le conferme in casa bianconera, come quelle di Terigi, D’Iglio e Bani, anche se inevitabilmente qualcuno non è rimasto: “Sono contento che alcuni degli elementi della passata stagione siano stati confermati – continua Guberti. Mi dispiace che Guidone non sia più con noi, l’anno scorso è stato molto importante per la squadra, ha gestito il gruppo, ma dobbiamo rispettare le scelte della società. Le situazioni che abbiamo affrontato l’anno scorso ci hanno insegnato tante cose. Ho capito che in D ci sono tante problematiche, innanzitutto bisogna aiutare gli under a crescere, vanno tutelati ma devono anche prendersi delle responsabilità”.

Mentre la squadra si appresta ad andare in ritiro è impossibile non pensare al fatto che martedì il Consiglio Federale si esprimerà sul ripescaggio: “Per fortuna si dovrebbe sapere a breve – conclude Guberti -, se ci sarà una bella notizia festeggeremo, se non ci sarà dovremo conquistare la promozione sul campo senza scuse”.

Sono nato a Melito di Porto Salvo (RC) e mi sono diplomato al Liceo Classico di Reggio Calabria. Dopo la maturità, ovvero sia più di sei anni fa, mi sono trasferito a Siena, una città che ormai è più di una seconda casa. Qui ho conseguito una laurea triennale in Scienze Politiche e una magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche. Da sempre appassionato alla scrittura, il mio proposito è quello di raccontare ciò che mi accade intorno in modo obiettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui