Nicoletta Fabio sindaco
Nicoletta Fabio sindaco

Scende di 27 posizioni anche per ricchezza e consumi, unico valore in miglioramento è quello di giustizia e sicurezza. Il sindaco: “Manca mondo imprenditoriale”

Scivolare dalla quarta posizione alla trentesima in un solo anno per Siena è un record. Lontani i tempi in cui la corsa era tra il primo e il terzo posto.

Nell’indagine di fine anno del Sole 24 Ore sulla Qualità della vita nelle 107 Province italiane, Siena è quella che perde un numero maggiore di posizioni. L’indicatore peggiore è quello di “Ricchezza e Consumi“: non esiste più la ricca e florida Siena, siamo scesi al 63esimo posto, ben sotto la metà classifica e con alle spalle, per la Toscana, solo Grosseto (72esimo). Siena è al 95esimo posto per “Canoni medi di locazione”, siamo 100esimi nell'”Inflazione indice generale” e 90esimi per “Tempi medi di vendita del residenziale”, 89esimi per “Inflazione prodotti alimentari e bevande non alcoliche”, ma siamo ancora abbastanza in alto, al 28esimo posto, per depositi bancari delle famiglie consumatrici. Insomma, un po’ di gruzzoletto i senesi ce l’hanno. Ma quali sono le città più ricche? Monza-Brianza, Aosta e Bologna. Siena è al 95esimo posto per “Canoni medi di locazione”

Sono 12 le posizioni perse nel capitolo “Affari e lavoro“. La performance non era eccellente neppure lo scorso anno, ma scivolare al 68esimo posto è preoccupante. A tirar giù la classifica è la sezione “Imprese in fallimento”, dove Siena è al 100esimo posto, con 2,51 aziende in fallimento ogni 100 imprese. Numeri che preoccupano davvero. Peggio fanno solo Bari, Reggio Calabria, Roma, Perugia, Napoli, Caltanissetta e Siracusa.

Per il resto “Demografia e società” perde 12 posizioni, e siamo al 21esimo posto, “Ambiente e servizi” perde otto posizioni ed è al decimo posto, ma è prima in assoluto nel capitolo “Qualità della vita dei bambini” e quinta per “Qualità della vita delle donne”. Nella sezione “Cultura e tempo libero” perde 15 posizioni e si attesta al 19esimo posto.

In salita solo “Giustizia e sicurezza“, che sale di 6 posizioni: adesso siamo 33esimi, virtuosi nei reati legati agli stupefacenti (sesta posizione), 74esimi per furti in abitazione.

Un quadro che non è rassicurante e non fa guardare al futuro con ottimismo.

Il sindaco

Il sindaco Nicoletta Fabio affida ad una nota scritta il suo commento:

“Il Comune di Siena è al lavoro con grande impegno su diverse questioni, alcune delle quali evidenziate anche dalla graduatoria”.

“Premesso che – afferma Fabio – si tratta come ogni anno di dati aggregati e che dunque coinvolgono tutta la Provincia di Siena, questa amministrazione è al lavoro su vari fronti, alcuni dei quali investono proprio settori chiave della città, evidenziati dai dati emersi dall’indagine. Fra questi posso citare le politiche abitative, la sicurezza, la mobilità, il turismo e la cultura da rilanciare in chiave internazionale, le infrastrutture e i fondi Pnrr”.

“Su alcuni dati, ad esempio quello quello relativo alle truffe informatiche, che incide sulla criminalità, vanno fatti opportuni approfondimenti – aggiunge Fabio – mentre altri estremamente positivi, come quello della qualità della vita dei bambini, appaiono soddisfacenti, anche se non devono frenarci nella spinta verso ulteriori miglioramenti”.

“Credo sia necessario rendere il nostro territorio il più attrattivo possibile – conclude il sindaco Fabio –, ma per fare ciò serve la collaborazione di tutti, il Comune non può da solo compensare la mancanza di un mondo imprenditoriale più dinamico, capace di sviluppare l’economia di Siena e provincia”.

Lascio agli altri la convinzione di essere i migliori, per me tengo la certezza che nella vita si può sempre migliorare

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui