Sconfitta immeritata al Benelli: la Robur gioca meglio per gran parte della partita, ma si fa sorprendere dai gol di Marcandella e De Respinis, arrivato al novantesimo. Per i bianconeri a segno Favalli

Vis Pesaro – Siena 2-1
Reti: 37′ pt Marcandella, 20′ st Favalli, 45′ st De Respinis
Vis Pesaro (3-4-1-2): Farroni; Pellizzari, Gavazzi, Cusumano; Eleuteri (13′ st Piccinini), Coppola, Astrologo (13′ st Rossi), Giraudo; Marcandella (22′ st Tonso); Cannavò (33′ st De Respinis), Gucci. A disp: Campani, Manetta, Lombardi, De Nuzzo, Di Sabatino, Carnicelli, Accursi, Rubin. All. Banchini.
Siena (4-4-1-1): Lanni; Mora, Conson, Terzi, Farcas; Disanto, Pezzella, Bani, Favalli (37′ st Guberti); Cardoselli (22′ st Conti); Paloschi. A disp: Mataloni, Marocco, Milesi, Zaccone, Montiel, Marcellusi, Peresin, Darini. All. Negro.
Arbitro: Caldera di Como
Note: espulso al 92′ Pezzella, Ammoniti Terzi, Giraudo, Eleuteri, Conson, Cannavò, Gavazzi; Angoli 2-4; Recupero pt 2′, st 4′.

Arriva la sesta sconfitta consecutiva per la Robur. Dopo una partita a tratti dominata, in cui i bianconeri avrebbero meritato quanto meno il pareggio, è la Vis Pesaro a festeggiare i tre punti grazie al gol al novantesimo segnato da De Respinis. Erano stati sempre i marchigiani a passare in vantaggio per primi con un gran gol di Marcandella, ma il Siena aveva trovato il pareggio con Favalli nella ripresa. Gli uomini di Negro hanno avuto anche le occasioni per vincere la gara, ma alla fine è arrivata un’altra beffa. Si chiude così l’anno dei bianconeri, che adesso sono a due punti dalla zona play-off e a quattro dai play-out.

Primo tempo – Negro sceglie un 4-4-1-1 con Favalli esterno di centrocampo e Cardoselli trequartista alle spalle dell’unica punta Paloschi, al rientro dall’infortunio alla spalla. Passano quattro minuti e il Siena ha subito un’occasione per passare in vantaggio: cross di Disanto dalla destra, Cardoselli calcia al volo e Farroni mette una pezza, ma è Eleuteri a salvare i marchigiani sulla linea. In avvio la Robur ha il totale controllo della partita, e chiude la Vis nella sua metà campo. Al 10′, da un cross di Mora, Favalli, di testa e da buona posizione, ha ancora la palla dell’1-0, ma non trova la porta. Al 25′, sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto dalla trequarti, Mora calcia da fuori area, ma la palla termina di poco sul fondo. I padroni di casa guadagna metri e al 37′, al primo tiro in porta, passano in vantaggio con un gran gol di Marcadella, che tira dalla lunga distanza e batte Lanni, spiazzato da una deviazione di Terzi. Il primo tempo si chiude quindi con la Vis Pesaro in vantaggio, anche se il Siena avrebbe meritato come minimo di andare negli spogliatoi in parità.

Secondo tempo – La ripresa si apre con due gol annullati alla Robur per fuorigioco, prima a Paloschi e poi a Disanto. Lo spartito rispetto alla prima frazione di gioco non cambia, con la Vis Pesaro tutta dietro la linea del pallone e la Robur a fare possesso palla. La pressione paga e il 20′ il Siena trova il pareggio: Disanto scatta sulla destra, mette in mezzo per Favalli che anticipa il suo marcatore e insacca in rete con l’aiuto del palo. Negro ci crede e inserisce una punta, Conti, al posto di Cardoselli, per provare a vincere la partita. Infatti, passano cinque minuti e i bianconeri vanno vicinissimi alla rimonta, ancora con un cross di Disanto per Favalli, che di testa costringe Farroni a fare una grande parata. I marchigiani però rispondono subito prima con una conclusione di Cannavò da fuori area, con Lanni che si rifugia in corner, e poi con un colpo di testa di Rossi, proprio sigli sviluppi del calcio d’angolo. Al 41′ il Siena ha la palla del 2-1 con un colpo di testa di Paloschi, innescato da Guberti, su cui Farroni compie un mezzo miracolo. All’90’ però la Vis Pesaro passa in vantaggio: cross di Giraudo per De Respinis che da due passi non sbaglia e segna il gol della vittoria. Nel recupero arriva anche un rosso diretto per Pezzella.

Sono nato a Melito di Porto Salvo (RC) e mi sono diplomato al Liceo Classico di Reggio Calabria. Dopo la maturità, ovvero sia più di sei anni fa, mi sono trasferito a Siena, una città che ormai è più di una seconda casa. Qui ho conseguito una laurea triennale in Scienze Politiche e una magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche. Da sempre appassionato alla scrittura, il mio proposito è quello di raccontare ciò che mi accade intorno in modo obiettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui