“I lavoratori entreranno in stato di agitazione”

Fisascat Cisl e Filcams Cgil, a seguito dell’incontro avvenuto con la Dirigenza di Siena Jazz e dell’assemblea dei lavoratori che si è svolta oggi, hanno dichiarato lo stato di agitazione di tutti i dipendenti di Siena Jazz.

“Le parole di Di Cioccio e Cianti non ci hanno convinto, non ci è stata data nessuna rassicurazione!”- dichiarano le organizzazioni sindacali – “Eravamo partiti male e siamo arrivati peggio! Per l’incontro avevamo richiesto anche la presenza di un delegato dei lavoratori eletto durante la precedente assemblea, ma la Dirigenza si è rifiutata di ammetterlo, invece poteva essere un modo di confrontarsi direttamente anche con i dipendenti! Noi abbiamo comunque accettato di partecipare all’incontro in una forma ristretta per l’urgenza della situazione”.

“Il problema non è solo il debito pregresso, – proseguono i sindacati – ma che questa Governance non riesce a gestire l’ordinarietà di Siena Jazz. I lavoratori hanno più volte segnalato alla Dirigenza problemi, criticità, necessarie programmazioni, scadenze, … senza, a volte, nemmeno essere ascoltati e coinvolti”.

“Questi Amministratori non riescono a traghettare Siena Jazz verso il futuro. E’ necessario un cambio di passo! – concludono le organizzazioni sindacali – I lavoratori rimarranno in stato di agitazione fino al momento in cui non vi sarà un interlocutore qualificato che rassicuri dipendenti, docenti, studenti, fornitori e tutta la cittadinanza di un futuro sostenibile per questa importantissima e storica realtà d’eccellenza del territorio!”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui