Ha inizio l’anno contradaiolo

Oggi, 1° dicembre, a Siena si è festeggiato Sant’Ansano, Patrono della Città. Tradizionalmente questo giorno segna l’inizio vero e proprio dell’Anno Contradaiolo.

Questa mattina si è è tenuta la Messa nella Chiesa delle Carceri di Sant’Ansano in Via San Quirico. Si è poi tenuto il Solenne Pranzo dei Priori.

Questo pomeriggio è partito il Corteo con le comparse delle 17 Contrade e le Autorità Cittadine, che dal Palazzo Comunale è arrivato  al Duomo dove l’Arcivescovo di Siena Augusto Paolo Lojudice ha celebrato la Santa Messa, insieme ai Correttori delle 17 Contrade.

“Questa celebrazione si ripete dall’ormai lontano 1968 quando Luigi Socini Guelfi volle fissare il 1° dicembre come inizio dell’anno contradaiolo. Ci troviamo in un Mondo con molto tensioni e a cui non possiamo rimanere indifferenti. A Siena abbiamo la fortuna di essere nati senesi e contradaioli. Essere senesi è un grande privilegio ed orgoglio. Le Contrade hanno sempre saputo adeguarsi con cautela e misura allo scorrere del tempo ma dobbiamo fare attenzione perché non esistono dei diritti acquisiti e non c’è nulla di scontato. Mantenere la nostra tradizione e tramandarla alle generazioni future di senesi è una sfida complessa che richiede impegno e onestà intellettuale”- ha sottolineato il Rettore del Magistrato delle Contrade Emanuele Squarci-.

“Lo scorso anno salutavamo il Priore della Giraffa Raffaello Ginanneschi, che ci lasciava proprio un anno fa. Sant’Ansano non riuscì a sfuggire alle violente persecuzioni dei potenti del tempo. Come ha ricordato il Rettore Squarci, siamo molto attenti a quello che ci accade intorno. Non si può chiedere la pace se nel cuore ci sono sentimenti di odio: con la violenza non c’è futuro. L’alternativa alla guerra è solo il dialogo: senza dialogo non può esserci pace“- ha affermato L’Arcivescovo di Siena-.

Sono appassionato del Palio di Siena, della sua Storia e di tutte le corse dei cavalli a pelo italiane. Mi interessano le nuove tecnologie e sono appassionato di musica, storia e geopolitica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui