Saranno tre gli appuntamenti, uno per Terzo. Si parte martedì 5 dicembre

La campagna di screening gratuito per la ricerca dell’Epatite C arriva nelle Contrade di Siena. In questi giorni, infatti, i contradaioli dei 17 rioni hanno ricevuto le informazioni sull’iniziativa promossa dal Ministero della Salute e dalla Regione Toscana, a cui ha aderito con entusiasmo il Magistrato delle Contrade. Gli appuntamenti saranno tre, uno per Terzo. Il primo sarà il martedì 5 dicembre presso la Galleria dei Costumi della Contrada del Drago (Via del Paradiso n.21), dalle 16 alle 19:30. Seguiranno poi, nel medesimo orario, gli appuntamenti di mercoledì 6 nella Contrada della Torre (Via Salicotto n.78) e di martedì 12 presso la Stanza delle Madonne della Contrada della Selva (Piazzetta della Selva n.4).

La partecipazione allo screening è volontaria e riservata ai nati tra il 1° gennaio 1969 e il 31 dicembre 1989. Ciascuno degli appuntamenti sarà aperto indistintamente a tutti i contradaioli nella fascia di età indicata. Il test si esegue in pochi minuti e non sono necessarie indicazioni particolari per il suo svolgimento. Comunemente conosciuto come “pungidito”, consiste nel prelievo di una goccia di sangue capillare per la ricerca degli anticorpi anti-HCV. Il campione di sangue verrà analizzato in tempo reale, il risultato sarà comunicato in pochi minuti e verrà rilasciato anche in forma cartacea. A effettuare i test saranno i volontari di Anpas Siena, della Croce Rossa Italiana – Comitato di Siena e della Misericordia di Siena.

La campagna è importante perché consente di prevenire le complicanze della malattia e permette di identificare le infezioni asintomatiche, dando modo di poter intervenire tempestivamente con una terapia efficace. L’Epatite C è un’infezione del fegato causata da un virus (HCV) trasmesso mediante contatto con sangue infetto. È pericolosa perché la malattia spesso decorre senza sintomi per anni ma col tempo può diventare cronica ed evolvere in forme molto gravi e progressive che vanno dalla cirrosi al cancro al fegato. Se diagnosticata precocemente, le possibilità di guarigione sono molto elevate.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui