Una nuova App permette di pagare la sosta nei parcheggi a raso senza contante e per la durata effettiva della sosta. Permezzi Ztl: possibile realizzarli tramite web

Siena entra nel futuro per la digitalizzazione dei parcheggi e della zona a traffico limitato. I parcheggi a raso (con strisce blu) sono già pagabili attraverso una App del telefonino, senza utilizzo del contante e pagando solo per la durata effettiva della sosta, mentre per la ztl è possibile avere il permesso temporaneo attraverso il sito web del Comune e di Siena Parcheggi.

“Si tratta – ha commentato il vicesindaco del Comune di Siena Andrea Corsi – di due importanti novità: la prima impatta sulla gestione e la facilità con cui i senesi e i visitatori della città andranno a usufruire i servizi di sosta; l’altro è per la Ztl completa digitalizzazione dei permessi, illustreremo la procedura che porta alla digitalizzazione dei permessi temporanea fino a tre giorni”.

Gabriele Maurizi responsabile per la Toscana di Esay Park (una grande azienda che opera nel campo della sosta con App diffusissime) ha spiegato la nuova applicazione. “Easy Park – ha spiegato Maurizi – è un’applicazione ormai diffusissima in tutto il mercato: abbiamo una copertura di 465 città in Italia, 30 in Toscana. Nasce come applicativo per pagare la sosta, ma non è solo questo. E’ un concetto, una sorta di ‘amico’ e consulente al quale chiedere pareri e aiuto per la smart mobility. I vantaggi di questa applicazione sono sia per l’automobilista, cioè risparmiare tempo e pagare la durata effettiva del tempo di sosta , che per il gestore come la riduzione del contante e tutti i costi che ruotano attorno ad esso. Nel caso di Siena è fondamentale: Easy Park può essere una transazione per tutto ciò che riguarda la parte turistica, essendo attiva in duemila città. Possiamo portare a Siena una fetta di utenti che vanno già da altre parti e che hanno già questa App. In più possiamo effettuare analisi e dati di sosta, quindi offriamo anche al gestore e quindi all’amministrazione pubblica tutta una serie di dati di controllo del parcheggio, sosta e mobilità”. “Un aspetto questo – ha ribadito Corsi – di particolare interesse per rendere Siena sempre più smart”.

“Siena – ha concluso Maurizi -può aprire anche ad altri applicativi, noi non siamo per l’esclusività e forniamo una base che può integrare le altre applicazioni. La App è in vigore dal 2 dicembre, possiamo dire che già hanno cominciato a utilizzarla, anche se i primi dati sullo scaricamento ci sarà dopo il primo mese”.

“E’ il primo passo – dice Walter Manni direttore della Siena Parcheggi, società partecipata al cento per cento dall’amministrazione – per un futuro che intendiamo intraprendere. Easy Park è la prima di queste applicazioni, va a intercettare una quota importante del mercato turistico. Questo tipo di servizio è al momento indirizzato per i parcheggi a raso, ma è possibile anche l’applicazione nei parcheggi struttura. Ricordo che questo tipo di applicazione consente una sosta ‘in tempo reale’. Si avvia e si chiude la sosta con il telefonino, si può allungare la sosta con il cellulare, semplicemente. E’ un passo importante, anche se è un inizio sperimentale, visto che anche gli spostamenti sono limitati. Il controllo avviene attraverso l’inserimento della targa della sosta nel database.

Sul sito del comune di Siena e sul sito di Siena Parcheggi c’è poi la novità sui permessi temporanei della zona a traffico limitato. Ci sarà la possibilità, cioè, di fare il permesso temporaneo per la ztl (fino a tre giorni) attraverso il web, un servizio online per le ditte e le aziende e anche per i privati che hanno bisogno di entrare nella zona a traffico limitato. Riempiendo un modulo, con estrema velocità e chiarezza, il sistema permette di avere il permesso in pochissimi minuti, laddove ovviamente ci siano motivi validi.

“Le cose che ci complicano la vita – ha spiegato Manni – ci spingono anche a migliorare i servizi: questo è il caso. Un grande passo verso la cittadinanza”. “La maggior parte dei permessi alle ditte – conclude Corsi – viene effettuata tramite digitalizzazione. Abbiamo messo in campo uno sforzo importante da questo punto di vista”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui