L’incontro, in programma per questo pomeriggio, sarà aperto alla cittadinanza

Un convegno per riflettere insieme sull’innovazione didattica nelle scuole dell’infanzia, veri e propri laboratori di inclusività. E’ quello in programma martedì 5 dicembre dalle 17 alle 19.30 presso la Sala Italo Calvino del Complesso Museale del Santa Maria della Scala, in piazza del Duomo a Siena. Apriranno i lavori l’assessore ai servizi all’infanzia e istruzione del Comune di Siena Lorenzo Loré e il dirigente comunale all’istruzione Francesco Ghelardi, ai quali seguirà l’intervento istituzionale della delegata del Rettore alle politiche di inclusione ed equità dell’Università degli Studi di Siena, Alessandra Viviani. Interverranno, per l’Università di Siena, la professoressa associata del Dipartimento di scienze sociali, politiche e cognitive, Alessandra Romano e, per il Comune di Siena, la responsabile del servizio progetti educativi e del coordinamento pedagogico comunale, Erminia Ficorilli. Verranno presentate pratiche didattiche innovative attraverso la voce competente di insegnanti, pedagogisti, formatori e responsabili di progetto, che offriranno il loro contributo ad una ri-contestualizzazione del concetto di inclusività.

Nel febbraio scorso la giunta comunale aveva approvato la realizzazione del progetto di ricerca-intervento “Processi di innovazione nelle Scuole dell’infanzia comunali – Inclusione 2030”, frutto di un’apposita convenzione tra Comune e Università. In questo progetto, l’obiettivo di sviluppare un approccio inclusivo viene ricondotto, tra l’altro, al ruolo che le scuole dell’infanzia hanno nel formare bambine e bambini capaci di abitare un mondo in continua trasformazione, orientati al dialogo e al confronto con nuovi linguaggi e orizzonti culturali.

Questo indirizzo si sposa perfettamente con uno dei principali obiettivi della proposta formativa che caratterizza i servizi all’infanzia gestiti dal Comune: la promozione della qualità e dell’innovazione dell’offerta educativa e didattica. Nell’apposito regolamento comunale si legge, infatti, che i servizi educativi sono tenuti ad attuare “strategie organizzative, educative e didattiche inclusive capaci di sostenere la piena integrazione socio-educativa di tutti bambini e di tutte le bambine frequentanti i servizi educativi”. Per questo, è previsto un potenziamento strategico dell’inclusività delle scuole dell’infanzia comunali di Siena, nel quadro della metodologia dell’Universal Design for Learning (Udl).

Il convegno, tappa conclusiva del progetto di ricerca-intervento “Processi di innovazione nelle Scuole dell’infanzia comunali – Inclusione 2030”, è aperto, su apposita iscrizione, agli addetti ai lavori e alla cittadinanza, in particolare alle famiglie delle bambine e dei bambini iscritti alle scuole dell’infanzia cittadine. La giornata, nel corso della quale verranno presentati i primi risultati dell’indagine, vuole portare all’attenzione il potenziale formativo di un approccio didattico centrato su metodologie orientate all’inclusività.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui