Sono iniziati i saldi ormai da una decina di giorni e le vendite per i commercianti senesi non sembrano essere positive, le persone non acquistano. Quali sono i motivi? L’abbiamo chiesto ai senesi

I prezzi non sono accessibili a tutti e purtroppo, soprattutto per noi giovani, non c’è una vasta scelta” dichiara Lucrezia D., 21 anni, studentessa lavoratrice e senese.

Uno dei problemi principali sembrerebbe proprio quello dei prezzi troppo alti, anche durante gli sconti.
Le grandi catene e l’online offrono promozioni quasi tutto l’anno, la possibilità di scelta è molto ampia ed è possibile fare shopping comodamente dal divano di casa. L’acquisto online è indubbiamente incentivato dalle condizioni climatiche dei giorni appena passati, così come dalla poca offerta e per qualcuno anche dalla scomodità nel raggiungere il centro storico a causa della posizione “scomoda” dei parcheggi, dalle tariffe e dalla mancanza di quest’ultimi.

“A Siena dove dobbiamo comprare? Sono rimasti pochissimi negozi e per i saldi spesso ci sono pochissime cose esposte, poche taglie e tanto vecchiume, cercano di vendere le cose rimaste invendute degli anni passati” dichiara Carla V., 55 anni, lavoratore e cittadina senese.

La passeggiata in città è quindi generalmente sempre meno attrattiva, la bassa quantità di negozi e le poche attività di svago nel centro storico sono altri fattori che non stimolano le persone ad uscire e ad acquistare, in tanti, soprattutto i più giovani, preferiscono andare a fare shopping dentro i grandi centri commerciali o negli outlet, che distano ad un’ora di distanza da Siena. Purtroppo se la domanda non aumenta, non aumenta nemmeno l’offerta e viceversa.

“Io vorrei poter acquistare nei nostri negozi. Uno Stato serio e un Comune serio dovrebbero aiutare i commercianti, le tasse e gli affitti sono altissimi” dichiara Sergio G., 46 anni, impiegato e anche lui senese.

I costi per i negozianti sono sempre più alti e i guadagni spesso non bastano per poter ricoprire a pieno tutte le spese, motivo per cui i prezzi non sono gli stessi che nelle grandi catene o nei negozi online. Le cifre più sostanziose si devono anche alla qualità della merce venduta che è spesso, ma non sempre, indubbiamente migliore. Il singolo cittadino al contempo sta vivendo un periodo storico in cui le spese quotidiane sono elevatissime ed è indubbiamente alla continua ricerca del risparmio e delle occasioni, richieste, che vengono soddisfatte facilmente recandosi a poche ore dalla città o con un semplice “clic” sullo smartphone, e che invece Siena fa fatica a soddisfare.

Commenti in linea con quello che si legge in questi giorni anche sui social e che non fa ben sperare per il commercio senese. Difficile coniugare l’alta qualità con i prezzi bassi, mentre invece potrebbe essere possibile una maggiore scelta se il numero dei negozi senesi di abbigliamento non fosse veramente esiguo. Le grandi catene, come Zara ed H&M, vendono a saldo anche on line, e questo per i giovani è un richiamo al quale è difficile resistere.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui