Non vuole indietro soldi e documenti ma almeno il salvavita, la tessera che le consente di fare le cure oncologiche di cui necessita. Ecco cosa ha detto in un post Facebook

Si è appellata al buon senso dei suoi amici su Facebook e di un possibile passa parola per ritrovare il suo portafoglio all’interno del quale custodiva il “salvavita“, il tesserino su cui è riportato il numero del dispositivo per fare le cure oncologiche. Il fatto sarebbe accaduto mentre era a lavoro in un ristorante del centro senese, qualcuno potrebbe averlo sottratto dalla sua borsa.

Ecco cosa ha raccontato nel Post:

“So che è come cercare un ago in un pagliaio, ma sabato sera mentre ero a lavoro al ristorante mi è stato rubato dalla borsa, che era nel mio ufficio (ammetto abbastanza in bella vista), il portafogli. Il colore è come la pochette in foto, beige e rosso, il modello come quello nero, ma senza la piastrina di metallo. Al di là dei soldi, al di là delle carte ovviamente tutte bloccate, al di là dei documenti che dovrò sbattermi per rifarli, avevo dentro il tesserino con il numero di serie del POWER PORT che ho impiantato nel petto e che mi serve per fare chemioterapia e tac. Se qualcuno dovesse trovarlo vi prego di farmelo recapitare in qualche modo.

“All’interno del portafoglio – ha così aggiunto al racconto – avevo foto dal valore affettivo e medagliette sacre molto importanti per me in questo momento, oggetti che persone a me vicine avevano portato da ogni dove. Adesso spero davvero che mi possano rimandare il contenuto, alla fine soldi e portafogli non mi importano, vorrei riavere però questo tesserino”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui