Robur Siena
Robur Siena

Rimarrebbe la pista straniera per il futuro della Robur. Benini: “Interessa la collettività, non il singolo”

Sarebbe la pista straniera quella percorribile per il futuro della Robur Siena. Secondo le ultimissime indiscrezioni, sarebbero caduti gli interessamenti delle cordate di imprenditori che nei giorni scorsi si sarebbero avvicinate a Anna Durio per l’acquisto della maggioranza delle azioni della Robur. Sarebbe invee sempre in piedi la pista che porterebbe a un imprenditore straniero, pronto a investire sulla società bianconera. Le prossime ore potrebbero essere decisive in questo senso, anche se mercoledì c’è una scadenza importante: bisogna saldare gli emolumenti dei tesserati per non incappare in un’altra penalizzazione.

Intanto questa mattina è nuovamente intervenuto sull’argomento l’assessore allo sport Paolo Benini, che sta monitorando da giorni la situazione. “Serve una soluzione – dice Benini ai nostri microfoni – rappresento l’amministrazione e la città e so da quale parte stare. Ho invitato Anna Durio a fare delle valutazioni. Il calcio non è una fabbrica, ha un’altra dimensione e il rapporto con i tifosi è ormai pregiudicato, dare la colpa a qualcuno è insignificante. Penso sia importante sedersi serenamente e aprire altre soluzioni per far passare di mano il calcio senese. Riconosco che non c’è grande chiarezza, ma bisogna fare il bene della collettività”.

Ecco l’intervista completa a Paolo Benini, assessore allo sport del Comune di Siena.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui