Robur
Robur

Conto alla rovescia per l’iscrizione: la può fare soltanto Anna Durio, poi si scriverà il futuro della Robur. Le parole del nuovo dg del Catanzaro sul Siena

Altra mattina e altre giornata convulse per la Robur Siena. Anna Durio sarebbe in attesa del bonifico per ultimare la pratica dell’iscrizione al prossimo campionato di Lega Pro. C’è tempo, formalmente, fino a domani sera alle ore 19, ma è chiaro che i tempi sono più stretti, fra l’invio della documentazione e l’accettazione. Si gioca una partita ai tempi supplementari, insomma, tanto che il Siena sarebbe ancora fra le poche squadre della serie C a non aver inviato gli incartamenti per l’iscrizione.

Una pratica che può fare solo Anna Durio, come scritto già diversi giorni fa e come ribadito ieri dai rappresentanti della famiglia armena. Ci sarebbe stato questa mattina un nuovo contatto proprio fra l’attuale proprietaria del Siena e Andrea Ristori, ma diventa difficile pensare che il passaggio si chiuda a poco più di 24 ore da una scadenza così importante, anche se la famiglia armena avrebbe dato tutte le garanzie per l’iscrizione stessa, salvo poi ultimare l’acquisto della società dopo il 5 agosto. A questo punto la strada è solo una e porta al bivio di domani.

Ormai, infatti, il conto alla rovescia è partito e si può solo attendere la scadenza dell’iscrizione al prossimo campionato di Lega Pro, per capire se Anna Durio è riuscita a tagliare il traguardo. In caso positivo si aprirà lo scenario futuro e si potrebbe dunque intavolare una trattativa vera e propria con gli armeni o con eventuali altri interlocutori, che al momento non si sono palesati. In caso negativo il calcio bianconero dovrà ripartire dai dilettanti, la società, invece, dai libri contabili.

Nel frattempo Diego Foresti, accostato alla Robur Siena nella trattatativa con la Fram Group, ha parlato a Tutto C nel giorno della presentazione a Catanzaro come nuovo direttore generale: “E’ stato un fulmine a ciel sereno. Sono stato contattato da una ipotetica proprietà che stava rilevando la Robur Siena e mi hanno chiesto la disponibilità di fare il direttore generale. L’acquisizione non è andata in porto e quindi ho deciso diversamente, anche se sarebbe potuta andare ancora in porto. L’occasione Catanzaro però non potevo snobbarla. Non poteva arrivarmi proposta migliore. Ho trovato una società molto organizzata”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui