Giorno decisivo per la Robur: corsa contro il tempo per gli stipendi. Cordata di Foresti in pole position?

E’ un giorno decisivo, forse “il” giorno decisivo, per il futuro della Robur Siena. In ballo c’è il pagamento degli stipendi dei tesserati, anche dopo le notizie riguardanti il blocco del conto corrente bianconero; in ballo c’è soprattutto la cessione delle quote di maggioranza della società, dopo gli ultimi sviluppi registrati ieri sera. La cordata coordinata dall’ex direttore generale della Viterbese Diego Foresti sarebbe in pole position rispetto all’imprenditore armeno che avrebbe presentato offerta formale a Anna Durio.

La situazione ha messo in subbuglio la tifoseria, che si è sollevata sui social. Il Siena Club Fedelissimi ha deciso di pubblicare una nota in cui chiarisce di voler “notizie certe, non illusioni, ipotesi o presunte notizie” riferendosi, evidentemente, alle tante indiscrezioni, nella consapevolezza che le testate giornalistiche fanno il loro mestiere a riportare anche le indiscrezioni, dopo averle ovviamente e adeguatamente verificate.

L’assessore allo sport del Comune di Siena Paolo Benini, intervenuto anche ieri sera a “Un Caffè in Comune”, la trasmissione del martedì di Gazzetta di Siena, ha ribadito proprio alcuni concetti, postandoli anche sui social in serata. “Per quanto attiene i fatti – scrive – io ho incontrato gli inviati dell’imprenditore armeno dottor Belli e dottor Ristori. Si sono presentati esponendo il progetto e la proposta di cui ho copia sottoscritta e riservata ed all’attenzione della Presidente. Hanno preso contatti con professionisti della città in mia presenza per definire i percorsi che porteranno all’aumento di capitale e all’acquisizione di tutta la società. Oggi ore 12 (ieri, ndr) ho accompagnato un inviato dell’imprenditore a visionare dall’esterno lo stadio. Abbiamo parlato di progetti più ampi riguardanti la città. La città è ciò di cui mi occupo. Per me i fatti sono l’unica cosa che conta e faccio i fatti. Adesso la mano passa alla presidente che sa che non esiste ostativa alcuna e tutto ciò che deciderà sara solo sua libera legittima scelta”.

Sempre durante “Un Caffè in Comune” Benini ha parlato anche di università e scuola, altre deleghe di sua competenza. Qui la trasmissione completa.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui