Il pareggio subito nel finale al Porta Elisa fa molto male, ma i bianconeri devono vedere il bicchiere mezzo pieno

Il Siena oggi inizia a preparare la sfida di sabato al Franchi con l’Alessandria con un po’ amarezza. La beffa subita nel finale a Lucca ha fatto molto male ai bianconeri, non solo perchè la vittoria sarebbe stata più che meritata, ma soprattutto perchè sarebbe stata molto pesante nella corsa ai playoff. Inoltre, i rimpianti aumentano in quanto al Porta Elisa è andato in onda un film già visto qualche settimana fa contro il Pontedera. Come ha detto capitan Lanni nel post-partita, bisogna però guardare il bicchiere mezzo pieno e i motivi per farlo sono tanti.

Il Siena ha giocato una una partita pressoché perfetta, mostrando i muscoli in casa di una squadra molto attrezzata per la categoria. Solo nel finale i ragazzi di mister Pagliuca hanno subito il gioco dei padroni di casa, concedendo qualche occasione di troppo, fino alla rete del pari. Ma per il resto della gara, e in particolare ad inizio ripresa, la Robur ha tenuto benissimo il campo. Anche il punto finale non è da buttare, sebbene non sia arrivato nel migliore dei modi, perchè permette di proseguire la striscia di risultati utili e di muovere la classifica. Ci sono poi le prestazioni dei singoli. Paloschi ha segnato il dodicesimo gol in campionato, un ottimo bottino, e Collodel è tornato quello del girone d’andata: un’assenza, la sua, pesata tantissimo negli ultimi mesi.

Da ora fino al 23 aprile ci sono solo sei partite, o meglio sei finali, per citare una frase usata spesso nel mondo del calcio. Però forse in questo caso è vera, perchè le prossime gare saranno decisive per dire se il Siena farà i playoff o meno e da che posizione partirà. Con l’Alessandria ci sarà quindi un altro step da non fallire nel percorso di crescita bianconero, per poter chiudere la stagione in bellezza.

Vincenzo Battaglia
Sono nato a Melito di Porto Salvo (RC) e mi sono diplomato al Liceo Classico di Reggio Calabria. Dopo la maturità, ovvero sia più di sei anni fa, mi sono trasferito a Siena, una città che ormai è più di una seconda casa. Qui ho conseguito una laurea triennale in Scienze Politiche e una magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche. Da sempre appassionato alla scrittura, il mio proposito è quello di raccontare ciò che mi accade intorno in modo obiettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui