Iniziate le visite mediche mediche in vista del ritiro. Il centrocampista bianconero: “L’organizzazione è migliorata rispetto alla stagione scorsa”

Sono iniziate le visite mediche di rito per il Siena in vista del ritiro di Orvieto che partirà mercoledì. Questa mattina alla Clinica Performance tra gli altri c’era anche il centrocampista Tommaso Bianchi, uno dei reduci della scorsa stagione.

“E’ andato tutto bene, sono state le classiche visite di routine – racconta Bianchi -. Siamo molto carichi per l’inizio di questa stagione, vogliamo fare un campionato diverso rispetto a quello dell’anno scorso. Speriamo che sia una stagione più lineare. L’anno scorso ci sono state alcune pecche nell’organizzazione e credo si sia visto pure sul campo, quest’anno è cambiato tutto. Stanno facendo le cose nel modo giusto e quindi sono molto fiducioso“.

“Ho parlato sia con il direttore che con il mister – spiega Bianchi -, sono due bravissime persone, il direttore è uno che ha sempre svolto le cose in modo egregio, ha fatto delle grandi cose a Frosinone, cura molto i dettagli che fanno migliorare sia la squadra che la società. Con il mister abbiamo parlato degli aspetti mentali, di come intende lui il calcio in generale. Sono andati via giocatori importanti e di esperienza che hanno fatto la storia recente di questo club. Per noi erano dei punti di rifermento fondamentali, ma ora la palla passa a noi, dobbiamo far capire ai nuovi arrivati cosa vuol dire giocare nel Siena“.

Sono nato a Melito di Porto Salvo (RC) e mi sono diplomato al Liceo Classico di Reggio Calabria. Dopo la maturità, ovvero sia più di sei anni fa, mi sono trasferito a Siena, una città che ormai è più di una seconda casa. Qui ho conseguito una laurea triennale in Scienze Politiche e una magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche. Da sempre appassionato alla scrittura, il mio proposito è quello di raccontare ciò che mi accade intorno in modo obiettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui