Spazzatura e rifiuti: i cittadini non ci stanno. Disservizi dalla provincia al centro storico

Sul tema rifiuti, Siena non trova pace. Fioccano sui social e sulle pagine dei quotidiani le foto di sacchi dell’immondizia e oggetti abbandonati sulle lastre o in zone dell’immediata periferia che ormai appaiono come discariche a cielo aperto. Numerosi anche i disagi lamentati da zone della provincia. Il problema si verifica spesso in orari di punta in cui anche il traffico delle auto o dei mezzi che riforniscono le attività viene intralciato da sacchi, scatole e spazzatura che non sono stati ritirati per tempo dal gestore della raccolta dei rifiuti urbani.

Nel Comune di Castelnuovo Berardenga, viene segnalata una situazione di incuria totale che, dopo molteplici segnalazioni, è stata risolta da cittadini volontari. “Dopo mesi, il 17 agosto faccio la prima foto – scrive un cittadino su Facebook – oggi ripasso e vedo che la zona è stata finalmente ripulita. Un cartello informa che l’iniziativa è di volontari. Alla faccia delle fototrappole, dei cassonetti intelligenti…”

Un mix esplosivo che, nel centro storico, va a sommarsi alla maleducazione di qualche cittadino che non rispetta gli orari di deposito della spazzatura.

L’esasperazione di alcuni cittadini ha prodotto la ricerca di metodi “fantasiosi” per disincentivare quanto meno la maleducazione di chi, come abitudine, ha quella dell’abbandono del rifiuto coatto: “Il Beato Pier Pettinaio e le attività nel vicolo non meritano i vostri rifiuti”, recita un cartello affisso. “Anche e non solo per educazione, non depositate l’immondizia”.

Inviate le vostre segnalazioni alla nostra pagina Facebook o scrivendo all’indirizzo e-mail redazione@gazzettadisiena.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui