I partiti di maggioranza di Montepulciano criticano duramente l’apertura ridotta dell’ufficio postale della frazione di Acquaviva

I partiti di maggioranza, che sostengono l’Amministrazione comunale di Montepulciano – Italia Viva, Partito Democratico e Partito Socialista Montepulciano -, intervengono congiuntamente sulla chiusura di tre giorni a settimana dell’Ufficio postale di Acquaviva.

La frazione più grande del Comune di Montepulciano, Acquaviva, già pesantemente penalizzata dalla chiusura dell’unico sportello bancario (MPS), è costretta a subire i disagi provocati dall’apertura ridotta dell’Ufficio postale, aperto ormai dal mese di Aprile solo tre giorni a settimana, (lunedì, martedì e mercoledì) provocando assembramenti e grandi difficoltà in particolare per le persone più anziane, oltre a creare criticità per gli altri Uffici postali del territorio, in quanto vi si riversano gli abitanti di Acquaviva.

Questa perseveranza di Poste italiane è incomprensibile, dal momento che tutti gli altri uffici del Comune sono da tempo ritornati alle aperture e agli orari consueti.

L’Amministrazione comunale, attraverso il suo primo cittadino ha più volte sollecitato Poste italiane a ritornare all’apertura originale per tutta la settimana, ma nonostante l’impegno profuso dal Sindaco, ad oggi ancora la situazione non si è sbloccata.

Chiediamo pertanto a Poste italiane di ripristinare al più presto l’apertura dell’ufficio di Acquaviva per tutti i sei giorni lavorativi, risolvendo così una situazione non più accettabile da tutta la Comunità!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui