Sospensione Manolo Portanova, la Corte federale d’appello della Figc deciderà dopo il giudizio in sede penale

La Corte federale d’appello della Figc ha sospeso il giudizio su Manolo Portanova “sino alla formazione del giudicato in sede penale”.

Lo scrive l’Ansa.

Il caso del calciatore della Reggiana, dopo una prima decisione sportiva che aveva decretato l’assenza di una norma specifica per giudicare, era tornato al vaglio della corte Figc in seguito alla pronuncia del Collegio di Garanzia presso il Coni che il 19 gennaio aveva accolto “in parte” il ricorso della procura generale dello spot. Portanova lo scorso 6 dicembre 2022 è stato condannato penalmente in primo grado a sei anni di reclusione per violenza sessuale di gruppo.

“Non c’è alcun intento persecutorio. La volontà è che oggi si faccia chiarezza sull’estraneità o meno di questa vicenda da parte del mondo sportivo. Chiediamo, laddove il collegio intenda entrare nel merito, l’affermazione della non indifferenza rispetto la giurisdizione della materia, con rinvio alla corte federale con diversa composizione affinché rivaluti la decisione assunta”.

Era la richiesta della procura generale dello sport, nella persona del procuratore Ugo Taucer, al Collegio di Garanzia dopo il ricorso presentato per il caso Manolo Portanova, condannato penalmente in primo grado a 6 anni per violenza sessuale. La procura generale dello sport contesta dunque le decisioni della giustizia endofederale, per ultima quella della Corte d’appello, che ha ribadito come non esista una norma che punisca a livello sportivo questo genere di reato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui