Il difensore del Poggibonsi ieri sera ospite a DaBordocampo ha analizzato la stagione dei leoni di mister Calderini

E’ andata in onda ieri sera la 118^ puntata di #dabordocampo, ospite speciale Tommaso Cecchi, difensore del Poggibonsi. Cecchi in questa stagione è tornato a vestire la maglia del leone dopo la sua prima esperienza due anni fa e dopo essere tornato lo scorso anno a Prato, società nella quale è cresciuto calcisticamente.

“Sono arrivato a Poggibonsi la prima volta due anni fa dopo che a Prato lasciò la gestione Toccafondi e cambiarono tutto. Il Poggibonsi era appena risalito dall’Eccellenza e abbiamo fatto una grande stagione, terminata, sono tornato a Prato perché ero in prestito. Lo scorso anno è stata difficile, ho avuto diversi infortuni. Ho deciso di tornare a Poggibonsi perché è un ambiente che conoscevo, anche se ci sono diversi giocatori nuovi visto il rinnovamento estivo. L’inizio della stagione? Ci sono state un pò più di difficoltà all’inizio per via dei tanti cambiamenti. E’ mancata l’unità di squadra ma adesso questa difficoltà non c’è più, siamo molto più uniti. Rispetto a prima abbiamo cambiato anche il carattere e i risultati stanno arrivando, anche se non sempre sono quelli sperati.”

Il mese di Novembre del Poggibonsi è stato molto intenso, con il recupero di mercoledì contro l’Orvietana vinto per 1 a 0 nel secondo tempo…

“Con l’Orvietana eravamo a fine primo tempo quando al termine dell’intervallo ancora l’arbitro non era venuto a chiamarci, così ci siamo insospettiti e ci è stato detto che non avremmo giocato il secondo tempo per l’infortunio del direttore di gara. Abbiamo recuperato il match mercoledì scorso e siamo riusciti a vincere. Siamo stati bravi ad approcciare subito bene perché sapevamo che, giocare una partita in cui scendi in campo solo per 45 minuti, era fondamentale portare il risultato subito dalla nostra parte. La difficoltà in questa partita è stata più prepararla a livello mentale e caratteriale che altro.”

Domenica il Poggibonsi ha pareggiato lo scontro diretto contro il Sansepolcro in vista delle prossime due sfide contro il F.Gavorrano e il Seravezza.
“Abbiamo approcciato bene, ci è mancato solo il gol ma almeno abbiamo smosso la classifica anche se di poco. Era importante fare bene in vista delle prossime due gare con il Follonica Gavorrano ed il Seravezza. Volevamo fare di più ma ormai pensiamo alla prossime gare.”

Dopo l’esperienza fatta lo scorso anno nel girone D di Serie D con il Prato, Cecchi analizza le differenze con il girone che affronta quest’anno con i leoni.
“Sono due gironi diversi. Nel girone D le squadre emiliane, a differenza delle umbre o delle laziali, dal mio punto di vista sono più attrezzate e organizzate e giocano un calcio migliore. Quest’anno credo che il livello si sia pareggiato, nel Girone E le squadre si sono rinforzate. Il Girone D, inoltre, è composto da 20 squadre, quindi ci sono quattro partite in più. Anche quello è sicuramente un punto diverso rispetto al girone E.”

L’intervista completa a Tommaso Cecchi

Francesco Benincasa
Nato a Siena il 5 Marzo 1993. Grazie alla web radio del mio paese ho intrapreso la strada di speaker, conduttore e telecronista da oltre 10 anni. Una delle mie più grandi passioni è riuscire a raccontare lo sport del territorio che mi circonda.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui