Il sindaco del centro valdelsano ospite della puntata settimanale di “Primo Cittadino”

Dopo un periodo di vera e propria emergenza Covid, nelle scorse settimane, in cui è stata la zona peggiore della Toscana come indice di contagio rapportato a centomila abitanti, Poggibonsi tira ora un sospiro di sollievo e cerca di tornare alla normalità.

“La situazione è in netto miglioramento – conferma il sindaco David Bussagli, ospite di Gazzetta di Siena nella puntata settimanale di “Primo Cittadino” -, da alcuni giorni si registrano numeri bassissimi, anzi per alcuni giorni abbiamo registrato anche contagi zero. Stanno arrivando le guarigioni, i ricoveri sono in netto calo e quello che occorre adesso è accompagnare, per quanto ci è possibile, la campagna di vaccinazione che sta galoppando e che vede coinvolto anche il nostro palazzetto dello sport a servizio non solo di Poggibonsi, ma dell’intera Valdelsa.

Ora la corsa è questa, per recuperare un po’ di normalità che già stiamo cominciando a riassaporare: le misure di chiusura si stanno via via allentando, si recuperano gli spazi pubblici e le occasioni di incontro, insomma c’è una gran voglia di ripartire”.

“Parlando di ripartenza – aggiunge Bussagli – ci sono una serie di opere pubbliche su cui siamo impegnati a livello di progettazione per poter accedere ai fondi europei ordinari e straordinari ed è un lavoro che, come Valdelsa, stiamo svolgendo tutti insieme. Tra le priorità ci sono le infrastrutture, tema su cui siamo particolarmente attenti, in modo significativo sulla ferrovia per la conclusione dei lavori di ammodernamento della Siena-Empoli. Ci sono poi opere che stanno diventando realtà come la variante della Cassia a Staggia Senese, un’opera di cui si sta parlando da almeno trent’anni: il progetto di spostamento della viabilità principale all’esterno del centro abitato, perchè oggi non è più tollerabile una strada che attraversa il borgo fortificato di Staggia”.

L’intervista completa del sindaco Bussagli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui