E’ una situazione di grande criticità quella segnalata da 19 sindaci delle province di Siena, Firenze e Pisa firmatari di una lettera indirizzata al governatore Giani

Un appello rivolto non solamente al presidente della Regione Toscana ma anche ai consiglieri regionali e alla sottosegretaria con delega allo sport Valentina Vezzali per segnalare “la criticità di gestione degli impianti natatori gestiti direttamente e indirettamente dalle amministrazioni comunale”.


Sport già provato dalla pandemia, come se non bastasse è arrivato l’aumento delle bollette di energia e gas.

“In queste ultime settimane stanno arrivando le prime fatture” – si legge nella lettera – “e stiamo toccando con mano l’entità dei rincari e la gravità della situazione. Stiamo parlando di aumenti medi di oltre il 60%, insostenibili per le gestioni correnti.
Gli impianti sportivi e in particolare le piscine sono state tra le prime attività a subire drastiche restrizioni e lunghe chiusure forzate a causa dell’epidemia di Covid e ora la situazione ha assunto contorni drammatici per i gestori e per le amministrazioni, in assenza di aiuti concreti e di prospettive per il futuro.
L’intero settore è fondamentale e strategico per lo sport, per il mantenimento di corretti stili di vita, per la prevenzione delle patologie, per la riabilitazione, e rischia di fallire in blocco, senza ristori immediati per questo specifico settore.
Confidando in una pronta presa in carico delle problematiche segnalate e di un riscontro, porgiamo distinti saluti”.


A firmare i sindaci di Borgo San Lorenzo, Firenze, Impruneta, Scandicci, Poggibonsi, Montespertoli, Pontedera, Pontassieve, Fucecchio, Certaldo, Santa Croce sull’Arno, Reggello, Greve in Chianti, Empoli, Sesto Fiorentino, San Gimignano, Lastra a Signa, Figline Incisa, Colle di Val D’Elsa.

Il giornalismo è una professione che non si sceglie, è lui che sceglie te. Ho sempre creduto che il valore di un vero professionista sta nel fatto di mettersi completamente a servizio del "racconto", stare un passo indietro piuttosto che sentirsi gli attori di ciò che scriviamo. Noi siamo solo il tramite per far arrivare il "racconto". Per questo prendo in prestito le parole di Joseph Pulitzer per ricordare la raccomandazione più importante: "Presentalo brevemente così che possano leggerlo, chiaramente così che possano apprezzarlo, in maniera pittoresca che lo ricordino e soprattutto accuratamente, così che possano essere guidati dalla sua luce."

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui