Ledonne con la maglia della Juventus

Il fantasista della Juventus rimane in prestito alle Zebrette. Anche Grifoni e Pandimiglio vanno via

Sarà Nicolò Ledonne ad ereditare la maglia numero 10 ereditata da Damiano Rinaldini. Il fantasista piemontese, tornato alla Juventus dopo il prestito della scorsa stagione, ha scelto di continuare a vestire la maglia delle Zebrette fino al 30 giugno 2024. Arrivato agli inizi di gennaio 2023, il ragazzo ha mostrato qualità eccellenti e soprattutto è cresciuto nel finale di stagione, culminato con la favolosa rete del definitivo 3-1 nella semifinale playoff giocata contro il Livorno. La società amiatina non può che essere soddisfatta dell’affare viste le potenzialità di crescita del giocatore, schierato titolare più volte anche da Bonuccelli sia per ovvi motivi anagrafici (è una quota) sia per le doti balistiche. Insieme a Guglielmo Mignani, ufficializzato ieri, e a Daniel Kouko, Ledonne potrebbe comporre un tridente d’attacco micidiale per il prossimo campionato interregionale.

Come spesso successo negli ultimi tempi, per un giocatore che arriva ce ne sono altri che se ne vanno: è durata soltanto un anno, infatti, la liaison tra Giulio Grifoni, Giulio Pandimiglio e il club del presidente Maurizio Sani. L’esterno a tutta fascia, classe 1991, ha scelto di tornare a vestire la maglia del Follonica Gavorrano, indossata già nel 2012/2013 e dal 2018 al 2022; il terzino classe 2004 invece è tornato nella capitale sposando la causa del Trastevere. Più dolorosa, sicuramente, è stata invece la partenza di Esmeraldo Kondaj, diventato uno dei migliori del suo ruolo nei due anni passati a Piancastagnaio: è di qualche ora fa, infatti, il suo passaggio al Taranto di Ezio Capuano, squadra arrivata a un passo dagli ultimi playoff di Serie C. Al contrario, alla corte del neo allenatore bianconero Fabio Prosperi rimarranno Antonio Pinto e Mattia Polidori.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui