pendolari occupazione binari (1)

I pendolari della stazione di Torrita di Siena promuovono una protesta con occupazione simbolica dei binari

Occupazione simbolica dei binari è la protesta promossa dai pendolari della stazione di Torrita di Siena. La richiesta è di migliorare la linea Siena-Chiusi, dove sono molte le criticità. Si svolgerà sabato 6 aprile in occasione dell’assemblea dei consigli comunali di Asciano, Chiusi, Montepulciano, Rapolano Terme, Sinalunga, Torrita di Siena.

L’assemblea dei consigli comunali si terrà presso la Casa della Cultura a Torrita di Siena, proprio per chiedere al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e al Gruppo Fs Italiane interventi urgenti per un generale progetto di miglioramento dei servizi sulla linea ferroviaria Siena-Chiusi.

Già nel maggio scorso i sindaci avevano chiesto di realizzare in tempi brevi uno studio di prefattibilità sulla modernizzazione e velocizzazione della linea ferroviaria Siena-Chiusi. Questo per garantire servizi più efficienti agli utenti e valorizzare l’attrattività turistica delle aree attraversate. I primi cittadini di Comuni di Asciano, Chiusi, Montepulciano, Rapolano Terme, Sinalunga, Torrita di Siena, Trequanda e l’Unione dei Comuni Valdichiana Senese avevano presentato un protocollo d’intesa alla Regione Toscana e al Gruppo FS Italiane.

La proposta di protocollo d’intesa intendeva far assumere impegni concreti al Gruppo FS Italiane per migliorare i servizi della linea Siena-Chiusi, con percorrenza entro 60 minuti, e valorizzarne il ruolo turistico. Con questi obiettivi, il documento conteneva la richiesta a RFI di riaprire la stazione ferroviaria di Monte Sante Marie come fermata de “L’Eroica”. Inoltre di realizzare la nuova fermata ferroviaria a Rapolano Terme in prossimità dello stabilimento termale Antica Querciolaia. Infine di riaprire la stazione di Montallese, nel comune di Chiusi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui