Paolo Vannuccini è stato eletto con il 65% dei consensi

E’ Paolo Vannuccini il nuovo priore della Pantera. Si sono tenute sabato 18 e domenica 19 dicembre le elezioni per rinnovare il seggio direttivo della contrada. Paolo Vannuccini, che nell’ultimo mandato aveva ricoperto il ruolo di vicario, con il 65% dei consensi, è il nuovo priore della contrada. Termina quindi l’era di Pasquale Colella, una figura importante che aveva ricoperto questo ruolo per 6 anni.

“Babbo Natale quest’anno mi ha portato – afferma Paolo Vannuccini, priore della Pantera – un bel regalo; fino a poco tempo fa non me lo sarei mai aspettato. Ancora devo metabolizzare del tutto quello che è successo, l’emozione è enorme e non si esaurisce in pochi giorni. Pasquale Colella è una figura di rifermento per tutti, io ho avuto il privilegio di lavorare con lui per tutti i 6 anni. E’ un’eredità importante ma essendo stato suo collaboratore per me la strada è tracciata, continuerò quello che avevamo avviato insieme. Cercherò di portare a termine i progetti che avevamo iniziato e continuerò a seguire i risultati che insieme avevamo ottenuto. La contrada in questo senso ha dimostrato la voglia di continuare il percorso di questi ultimi anni. C’è da lavorare ma la strada è ben tracciata”.

La situazione Covid sta peggiorando giorno per giorno. I casi aumentano sempre di più e il 23 dicembre sono uscite delle nuove restrizioni. Fra le persone regna il terrore e anche le contrade stanno accusando la situazione. Tante cene degli auguri infatti sono state annullate mentre altre contrade hanno scelto di farle all’aperto.

“La situazione è quella – continua Paolo Vannuccini – che conosciamo bene. La pandemia non ci lascia, anzi, in questi giorni vediamo un incremento costante dei contagi. Come contrade dobbiamo continuare con i provvedimenti che fino a oggi sono sempre stati applicati. Abbiamo dovuto rivedere, ahimè, il modo di vivere la contrade, di stare insieme e questo a volte si nota anche nei numeri delle partecipazioni perché molti sono scoraggiati. Dobbiamo migliorare su questo, per quanto possibile, e lavorare affinché la volontà di stare insieme di ritrovarsi in contrada non cessi. Sarà un 2022 tutto da capire, come si evolverà la situazione e quali saranno le restrizioni che ci imporranno. Attendiamo di capire quale sarà il protocollo per quanto riguarda il Palio. La volontà di correre è tanta, ma il Palio non va stravolto“.

Sono Lorenzo Vullo, un ragazzo di 23 anni, nato a Siena e laureato in Scienze Politiche e relazioni internazionali. Mi piace lo sport, la cultura, la politica e ho molto interesse per le nuove forme di comunicazione. Nel mio breve percorso lavorativo ho uno stage presso la redazione giornalistica di Radio SienaTV.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui