Al Festival della Salute ha parlato il Direttore Generale Fondazione Toscana Life Sciences

Toscana Life Scienze ha avuto e continua ad avere un ruolo fondamentale nella ricerca sugli anticorpi monoclonali, ma circoscrivere l’attività di TLS soltanto a questo ambito rischia di essere limitativo, pur nella straordinarietà di quanto si sta facendo in questo momento.

Del progetto anticorpi Covid e di altre attività di TLS, ha parlato al Festival della Salute il Direttore Generale Fondazione Toscana Life Sciences Andrea Paolini.

“Abbiamo profuso uno sforzo importante – ammette Paolini – per avere gli ottimi risultati che stiamo ottenendo, ma credo che il nostro principale merito sia stato il farci trovare pronti. Questo significa aver investito sulla ricerca, sui giovani talenti, molti rientrati dall’estero e sul fatto che per noi è fondante investire sui temi che possono fare la differenza, per contribuire ad un futuro migliore del nostro paese”.

TLS nasce circa quindici anni fa nella mente di chi è tutt’oggi socio della fondazione – racconta Paolini – ma ha cominciato a svilupparsi circa tre anni dopo. Inizialmente eravamo un incubatore d’impresa che serviva a favorire start-up innovative provenienti da ambito universitario e industriale. Poi, con il tempo, abbiamo aggiunto molte altre funzioni, cambiando pelle di continuo ed alla funzione originaria di supporto alla ricerca, abbiamo cominciato ad aggiungere ruoli diversi con bacino di operatività in ambito regionale e poi a livello nazionale. Un’altra funzione importante che abbiamo sviluppato, è quella di fare da facilitatore di sistema. Creare reti di relazioni e mettere insieme competenze diverse, condividendo know how per esaltare la qualità dei progetti e attrarre possibili nuovi investimenti”.

“Quali dovranno essere gli step futuri di TLS? Lavorare sempre di più non sul singolo progetto ma sulle piattaforme a supporto degli stessi – ammette il Dg – La chiave di volta sarà quella di non essere strettamente legati a un progetto ma pronti a supportare iniziative di vario genere ma che siano di reale eccellenza”.

Il Festival della Salute è trasmesso da:

–          Canale 3 su frequenze canali digitali 12 e 95 della Toscana e in streaming su https://canale3.tv/category/diretta-streaming/ o https://www.youtube.com/channel/UCWdgz-7bIYSYXHEAqC7ME5w

–          E sui social del Festival: https://festivaldellasalute.it/ e https://it.facebook.com/FestivaldellaSalute/

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui