Superato con successo un piccolo intervento alla clavicola eseguito a Siena

Recupero fulmineo per Stefano Piras. Superato brillantemente il piccolo intervento alla clavicola eseguito a Siena dal primario dell’Ortopedia Edoardo Crainz, lunedì il fantino sarà di nuovo a cavallo. Una bella notizia nel turbinio delle polemiche, alcune centrate, molte strumentali, del Palio appena archiviato.

La prestazione di Stefano Piras, finita troppo in fretta per un gesto intempestivo del mossiere e per un gioco impietoso del destino, resta una delle migliori pagine del Palio di luglio. Scangeo ha dimostrato ancora una volta di poter interpretare e valorizzare al meglio il cavallo che gli viene affidato, smussando con maestria, nei quattro giorni di avvicinamento alla Carriera, piccoli o grandi vizi del barbero.

Su Uragano Rosso ha trovato da subito una grande sintonia, evidente fin dalla seconda prova, con un crescendo che lo ha portato a contenere anche alcune ritrosie mostrate fra i canapi.

Da umile osservatore del Palio e intenditore di cavalli ho sentito l’esigenza di evidenziare le doti di Stefano Piras, fantino fatto per la Piazza che il Bruco ha avuto l’intuito di accaparrarsi. Perchè di pagine da sottolineare in questo Palio ci sono, non tutto è da buttare via. E soprattutto se i talenti ci sono vanno espressi e rimarcati. Mentre dove la stoffa non c’è il Palio non si cuce e… si sfilaccia.

Goffredo Resi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui